menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno striscione antidiscarica a Chiaiano del 2011

Uno striscione antidiscarica a Chiaiano del 2011

Chiaiano, un tecnico indicato dai cittadini per il progetto della chiusura

In mattinata alla Commissione speciale su Cava del Poligono la Rete Commons di Napoli e provincia ottiene che un tecnico di parte sia coinvolto con pari dignità nella tombatura

La sede del conisiglio comunale di Napoli a Palazzo Verdi ha ospitato oggi l'audizione in Commissione speciale su Chiaiano a cui hanno preso parte il direttore di Sap Na Giovanni Perillo e la Rete Commons di Napoli e provincia per i comitati civici di Chiaiano. L'audizione è cominciata con l'illustrazione da parte di Perillo dell'idea di progetto per la chiusura della discarica di Chiaiano.

“Perillo ha da subito specificato che l'ente competente sulla discarica di Chiaiano è la Provincia di Napoli che a novembre ha decretato in consiglio la sua chiusura e resta questo l'indirizzo – scrive in un comunicato la Rete Commons – pertanto le fantasie dell'assessore regionale Romano sono sciolte come neve al sole. Rispetto al progetto preliminare e le modalità di chiusura la Rete Commons ha avanzato una proposta sulle decisioni da prendere".

"Abbiamo chiesto ed ottenuto da Sap Na che un nostro tecnico di parte, che comunicheremo nei prossimi giorni, sia coinvolto a titolo gratuito ma con pari dignità scientifica, nella stesura del progetto di chiusura della discarica – specifica la Rete Commons – su ogni modalità dalla composizione dai materiali per il capping fino all'utilizzo dei suoli dopo la tombatura vogliamo che siano i cittadini ed i comitati a decidere ed autotutelarsi con la presenza di propri tecnici”.

“Perillo ha dato la disponibilità di Sap Na ad accettare la nostra proposta. – dichiara la rete Commons - Inoltre abbiamo chiesto al presidente della Commissione speciale su Chiaiano, Salvatore Guanci, di garantire un tavolo permanente sul tema coinvolgendo direttamente il Vice Sindaco Sodano ed il sindaco de Magistris. Alla seduta della commissione hanno preso parte anche i tecnici dell'Assessorato all'Ambiente del Comune di Napoli che hanno ribadito la posizione del Comune sul tema che è quella della chiusura definitiva e permanente della discarica di Chiaiano”.
“Riteniamo che oggi abbiamo fatto un ulteriore passo avanti – commenta ancora dalla Rete Commons – un passo che vede i cittadini riprendersi la centralità sulle scelte da fare sul futuro del territorio”.

Gli attivisti Commons ricordano anche l’appuntamento del primo maggio a Chiaiano: “Non ci fidiamo di quelle istituzioni che continuano a pensare che le discariche e gli inceneritori risolvano la questione rifiuti, e per ricordare all'assessore Romano che noi non siamo “dormienti” il 1°Maggio dimostreremo che il nostro territorio è vigile e determinato cosi' come abbiamo fatto partecipando in queste settimane alle mobilitazioni contro la discarica di Quarto. “Il 1°Maggio ci sarà un happening di lotta al presidio permanente – spiega la Rete Commons – una giornata di incontri, approfondimenti, ma anche musica e valorizzazione delle lotte, avremo come ospiti Erri de Luca che sarà con noi la mattina, mentre la sera è previsto un collegamento con il segretario nazionale della FIOM Maurizio Landini ed il presidio permanente No Tav di Bussoleno, a dimostrazione di come l'attenzione su ciò che succede sul tema rifiuti a Napoli ed in Campania gode di una larga solidarietà su scala nazionale.” In serata concerto con Bisca, Lucariello, Fuossera, Ciccio Merolla e Banda Speranza”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Riapre il Cinema Vittoria: coda al botteghino

Attualità

Apre l'hub vaccinale di Capodichino. De Luca: "Il più attrezzato d'Italia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento