menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Discarica abusiva a Giugliano: la denuncia in una lettera

Michele Pirozzi della Federazione Sinistra e Salvatore Melillo della Federazione dei Verdi sul terreno a confine con Trentola Ducenta. "Odore acre e tossico, chiediamo un intervento urgente di bonifica"

Una lettera-segnalazione è stata consegnata questa settimana all'ufficio protocollo per il Sindaco e Polizia Municipale di Giugliano e per conoscenza al commissario prefettizio di Trentola Ducenta.

Autori Michele Pirozzi della Federazione Sinistra e Salvatore Melillo della Federazione dei Verdi in merito a un terreno-discarica nel comune di Giugliano in Campania, al confine con Trentola Ducenta. Una strada di campagna a pochi metri prima dell'incrocio con Via Santa Maria a Cubito.

Come si legge nella lettera, "al primo sopralluogo abbiamo notato che una parte del fondo agricolo ha uno strano e progressivo rialzamento, piante avvizzite, animali intossicati, un odore acre e tossico che non sparisce. Camminando sul fondo rialzato si sente il prurito alla pelle e agli occhi, oltre che a sprofondare con i piedi nel terreno".

"In questa discarica abusiva - sottolineano Pirozzi e Melillo - ignoti continuano a scaricare rifiuti di ogni genere con prevalenza di materiale di tipo edile ed anche d'agglomerato cementizio contenente fibra d'amianto commercialmente denominato "Eternit", sostanza classificata rifiuto pericoloso ai sensi dell'ex D.Lgs. n°22/1997 sostituito dal D.Lgs. 152/06. I pannelli presenti si presentano spezzati. Va sottolineato che la rottura di detti pannelli ne aumenta la pericolosità in quanto la perdita dell'integrità facilita l'emissione della fibra d'amianto".

"Il rinvenimento di questa discarica sarà possibile solo grazie agli scavi che saranno effettuati a chi di competenza, visto che i detriti sono stati mischiati al terreno per poi risultare così pulito". Un vero e proprio attentato alla salute dell'ambiente e dei cittadini, dunque. "Le sostanze tossiche penetrano facilmente nel terreno, si diffondono nell'aria, spezzano l'equilibrio dell'ecosistema circostante e portano disturbi e malattie nei soggetti che vengono malauguratamente in contatto con queste fonti di inquinamento. In questo caso frutta e verdura che, poi, finiscono sulle tavole di tutta la provincia di Caserta e Napoli".

"Chiediamo alle autorità - concludono Pirozzi e Melillo - un intervento urgente di bonifica della zona, come suggerì anche il Sindaco Pianese in una lettera recapitata a tutti i cittadini giuglianesi alla vigilia delle elezioni amministrative del 2008. Dichiarò che la bonifica nel territorio giuglianese non era più rinviabile e che tutti noi abbiamo il diritto ad un ambiente sano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tragedia al passaggio al livello: muore travolto da un treno

  • Cronaca

    Cimitero, ascensori guasti. La denuncia: "Perché?"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento