Cronaca Chiaiano / Via Cupa Reginella

Da Taranto a Bagnoli "difendiamo i nostri territori dai veleni": incontro a Chiaiano

la Rete Commons promuove una giornata di 'discussione e socialità' intorno al tema dell'inquinamento ambientale. Appuntamento sabato a partire dalle ore 10.30 presso il Parco Comunale in via Cupa Spinelli

"Difendiamo i nostri territori dai veleni", immagine-logo

“Bonifiche, difesa del territorio, rifiuti zero”: temi importantissimi e al centro del dibattito non solo cittadino (con il disastro ambientale di Bagnoli, le discariche, l'avvelenamento dei terreni dovuto allo sversamento abusivo di rifiuti speciali e ai conseguenti roghi tossici) ma anche nazionale.

Da Taranto a Bagnoli, "difendiamo i nostri territori dai veleni": un grido che lega realtà completamente diverse accomunate dalla tragedia dalle troppe morti per inquinamento.

Proprio intorno a questo tema si sviluppa la Giornata di approfondimento/discussione/socialità promossa dalla Rete Commons - rete per i Beni Comuni di Napoli e Provincia, promossa per sabato 20 aprile presso il Parco Comunale di Via Cupa Spinelli (a 150 metri dalla stazione metro Chiaiano)

La giornata avrà inizio alle ore 10:30 con un dibattito su “Produzioni industriali e veleni” introdotto da Peppe Esposito (Rete Commons) e che vedrà gli interventi di Andreina Baccaro (Centro Sociale Archeo Tower di Taranto), Massimo Di Dato e Mauro Forte (Assise di Bagnoli), Lucio Iavarone (Coordinamento Comitato Fuochi)

A seguire: pranzo sociale nel parco a cura dei comitati di Chiaiano, Marano e Mugnano, per il quale si consiglia di portare da casa forchette, cucchiai e bicchieri (possibilemente non in plastica, nell'ottica di un maggiore rispetto ambientale e della riduzione dei rifiuti).

Dalle ore 14:30 alle 16:00 in programma un'area giochi attrezzata per bambini con campi di calcio, basket e bocce.
 Inoltre allieteranno la giornata la musica popolare e i balli a cura del corso di danza popolare del Comitato Civico Cambiamo Mugnano.

Saranno anche  presenti stand e materiali informativi per sottoscrivere la Legge d'iniziativa popolare Rifiuti Zero e materiali informativi riguardanti la V° Edizione del 1°Maggio a Chiaiano.

"Da Taranto a Bagnoli - spiegano i promotori dell'iniziativa - i modelli di sviluppo industriale invasivo hanno avvelenato i territori. Oggi le emergenze sanitarie ed ambientali sono sotto gli occhi di tutti. I casi dell'Ilva di Taranto e della ex Italsider di Bagnoli sono due storie temporalmente diverse ma figlie degli stessi identici processi di inquinamento e speculazione. Ciò che oggi vediamo svelato a Bagnoli potrebbe succedere ora a Taranto. Cosi' come lo smaltimento abusivo dei rifiuti industriali dissemina morte nella provincia di Napoli con il fenomeno dei roghi di rifiuti. Le mortalità per tumori e il livello di inquinamento impongono Napoli e Taranto come zone in stato d'emergenza sanitaria ed ambientale. La speculazione fatta in questi anni sulle bonifiche come ci racconta la vicenda di Bagnoli, ci svela come anche sulle bonifiche nel nostro paese affaristi, poltici e speculatori abbiano agito con un sistema di corruzione inserita in una logica di distruzione per cui la salute e l'ambiente non valgono nulla".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Taranto a Bagnoli "difendiamo i nostri territori dai veleni": incontro a Chiaiano

NapoliToday è in caricamento