Costringeva il figlio a vendere oggetti e a non andare a scuola: denunciata

La donna rumena ritenuta responsabile di impiego di minori nell'accattonaggio. Il 12enne è stato ora affidato ai servizi sociali

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Ischia hanno denunciato una donna rumena di 29 anni ritenuta responsabile di impiego di minori nell’accattonaggio.

La donna è stata sorpresa mentre indirizzava il figlio di 12 anni per la vendita di piccoli oggetti a turisti, commercianti e residenti. Analogo comportamento si era verificato il 10 dicembre scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso di accertamenti è emerso inoltre che il minore non veniva mandato a scuola. Il bambino è stato ora affidato ai servizi sociali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento