Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Via de Pinedo è una discarica a cielo aperto. "Siamo abbandonati" (VIDEO)

 

Incuria o inciviltà? Stando alle immagini di degrado che vi proponiamo sembra che coesistano. Una vera e propria discarica a cielo aperto quella che ci si può ritrovare davanti nell'attraversare via Francesco de Pinedo a Napoli. 

Circa 500 metri che portano a Piazza Di Vittorio (piazza Capodichino per i nostalgici), abitati dai "soliti" rifiuti come bottiglie e cartoni di birra, piatti di plastica e buste da imballaggi. A questi si aggiungono articoli vestiari, come scarpe con tacco e addirittura un bomberino e parti di automobili come paraurti o vecchi cerchioni.

IMG-20190511-WA0038-2

A questo ripugnante scenario appartiene anche il pericolo per chi cammina sul marciapiede che, oltre a dividere i due sensi di marcia, ospita diverse fermate dell'autobus e delimita la cosiddetta "corsia preferienzale". Il pericolo viene principalmente dai rami spezzati, dei secolari alberi presenti sulla strada, poi poggiati a fare "buona compagnia" ai rifiuti. 

IMG-20190511-WA0036-2

Una situazione veramente a limite che trova scontenti tutti, a partire dagli ormai pochi commercianti della strada. Uno di questi, alla domanda di NapoliToday "Da quanto tempo non sistemano le aiuole?" ha risposto: "Saranno mesi se non anni. Prima la mattina passava qualche spazzino, ora neanche più quello: a volte ci mettiamo noi a ripulire la strada. Gli alberi non vengono curati, molti rami si spezzano perché diventano troppo lunghi e danno fastidio agli autobus che passano. Ormai siamo abbandonati, la sera c'è il coprifuoco: non c'è un minimo di sorveglianza".

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento