menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sesso e droga sulle tombe degli antichi romani"

La necropoli romana di duemila anni fa chiusa al pubblico ma aperta abusivamente ai tossici: succede a Pozzuoli

Una necropoli romana, quella di via Celle a Pozzuoli, trasformata in luogo di ritrovo per i tossicodipendenti e per quei ragazzini che consumano fugaci rapporti sessuali. Un'area sepolcrale di duemila anni fa chiusa al pubblico, eppure c'è chi scavalca le inferriate e si intrufolano tra i mausolei funerari.

Da settimane, si legge sul Mattino, i residenti della zona segnalano alle forze dell'ordine il continuo via vai di giovani. All'interno dell'area, d'altronde, non è difficile trovare fazzoletti sporchi, siringhe, preservativi, spazzatura e addirittura una casupola abbandonata da anni nello spazio antistante l'area sepolcrale, utilizzata come un wc di fortuna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento