menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In due ore rapinano 4 coppie, in manette due napoletani

Nazareno De Micco e Salvatore Velotti sono stati arrestati per aver commesso quattro rapine in due ore: vittime preferite erano le coppiette appartate. Uno dei due scendeva armato dallo scooter derubava i malcapitati e poi fugggivano

Nonostante la rapidità d'esecuzione, Nazareno De Micco, 25 anni e Salvatore Velotti 18 anni, entrambi napoletani, sono stati arrestati: hanno rapinato quattro coppiette in due ore.

Le rapine le hanno compiute a bordo del loro scooter concentrandosi nell'area tra S. Giorgio a Cremano, Napoli e Portici. I loro bersagli prediletti erano le coppiette appartate, ma è stato rapinato anche un giovane che aspettava un'amica.

La tecnica adottata dai due è stata simile in tutte e quattro i casi: i due ragazzi avvicinavano persone sedute in auto in aree isolate e, appena raggiunto l'obiettivo, il passeggero scendeva dal motociclo  con una pistola alla mano si avvicinava al finestrino e minacciava prima il guidatore e poi, dopo averlo derubato, passava dal finestrino del lato passeggero.

Dopo aver depredato anche il secondo malcapitato saltava rapidamente sulla moto. Terminata la rapina i due si dileguavano a bordo del ciclomotore. La fuga dei due giovani è però terminata in via Figliola: gli agenti li hanno rintracciati e, dopo un breve inseguimento, li hanno arrestati.

All'interno del vano portaoggetti dell'Aprilia su cui viaggiavano, sono stati trovati 5 telefoni cellulari, varie schede telefoniche prepagate, un orologio Rolex, 476 euro in contanti e un coltello a scatto. Secondo la versione della polizia, uno dei due prima dell'arresto, resosi conto dell'arrivo dei poliziotti, aveva gettato al suolo una pistola che gli agenti hanno poi raccolto e riconosciuta come copia di una pistola semiautomatica priva del tappo rosso.

Le ricerche successive condotte in commissariato hanno permesso di risalire ai proprietari dei telefonini e di accertare che il bottino era il provento delle rapine che le vittime avevano subito nel corso della serata. Il riconoscimento degli autori delle rapine da parte delle vittime ha poi dato l'ultima conferma. De Micco e Velotti sono stati condotti alla casa circondariale di Poggioreale e messi a disposizione dell'autorità giudiziaria: rapina aggravata in concorso, porto e detenzione di arma giocattolo priva di tappo rosso e di arma da taglio le accuse.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento