Cronaca

De Magistris e il Primo Maggio: "Il mio pensiero a precari e disoccupati"

Il sindaco su Facebook: "La sfida che ora si pone anche a questo nuovo governo di larghe intese è quella di dare risposta a questo dramma, la nostra ferita più profonda, cioè il tema del lavoro, del diritto al lavoro"

de Magistris

"In questo Primo Maggio il pensiero va a tutte coloro e tutti coloro che vivono la schiavitù della precarietà e della disoccupazione, a quante e quanti spesso immigrati sono costretti a lavorare in nero senza alcun diritto, mettendo a repentaglio la propria vita, per assenza di controlli e inadempienza delle norme sulla sicurezza". Così il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris su Facebook.


De Magistris ha rivolto un pensiero "a quante e quanti, all'interno di una crisi drammatica, perdono in età matura il proprio lavoro, finendo nella spirale di una inoccupazione mortificante" ed "alle nostre giovani menti costrette all'emigrazione, fenomeno che desertifica culturalmente e socialmente il nostro paese, che ferisce la nostra comunità, soprattutto meridionale, dove il fenomeno pesa e incide. La sfida che ora si pone anche a questo nuovo governo di larghe intese, è quella di dare risposta a questo dramma, la nostra ferita più profonda, cioé il tema del lavoro, del diritto al lavoro". (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Magistris e il Primo Maggio: "Il mio pensiero a precari e disoccupati"

NapoliToday è in caricamento