De Luca: “Anche oggi oltre 700 contagi. Saranno mesi difficili”

Il governatore è intervenuto all'assemblea Anita: “Il governo si prepari a piano di sostegno alle imprese”

"Anche oggi avremo oltre 700 positivi. Il 90-95% sono asintomatici". Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca margine dell'assemblea Anita in corso a Napoli. "È un elemento di novità rispetto ai mesi scorsi: queste persone - ha osservato - non vanno in ospedale, ma vengono collocate in isolamento domiciliare. Però se si alza l'età media dei contagi dobbiamo aspettarci anche ricoveri ulteriori, tenendo conto di due novità che non avevamo sei mesi fa: l'apertura delle scuole e la stagione dell'epidemia influenzale".

La chiusura della Campania

"Oggi la situazione è sotto controllo. Dobbiamo prepararci in anticipo per gli interventi che probabilmente saranno necessari da qui a un mese un mese e mezzo". Il governatore non esclude la possibilità, nelle prossime settimane, di chiedere al governo la chiusura della Campania. "Si prenderanno tutte le decisioni necessarie. Non le decisioni più comode, ma quelle più necessarie - avverte - per tutelare la sicurezza delle nostre famiglie. Per adesso - continua De Luca - abbiamo una situazione che mi pare sotto controllo. Tutto dipende dall'evoluzione del contagio".

Il sostegno alle imprese 

"Ritengo che il Governo debba prepararsi da subito a un piano di sostegno alle imprese, perché è prevedibile che avremo mesi difficili". Secondo De Luca "è opportuno che il Governo nazionale, anche utilizzando fondi europei, prepari un piano B, perché se dovessimo avere problemi pesanti per le imprese, il Governo sia pronto a dare una mano. Le imprese non possono morire e le famiglie e i lavoratori hanno bisogno del pane alla fine del mese". De Luca ha ricordato che "la Campania è l'unica regione d'Italia che ha fatto da sola un piano socioeconomico dal valore di un miliardo di euro, con misure di sostegno anche alle imprese del trasporto. Abbiamo cercato di dare una mano e ci siamo dissanguati.

L'apertura estiva 

"In questo momento la Campania è la regione che soffre di più perché quando abbiamo aperto l'Italia, quando abbiamo aperto le frontiere e abbiamo rimescolato il Paese, era inevitabile che la regione a maggiore densità abitativa avesse maggiori problemi. Affronteremo i problemi con coraggio, per quel che è umanamente possibile ha continuato il presidente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Saranno mesi difficili”

"Il momento difficile non è alle nostre spalle, ma davanti a noi. Prepariamoci anzi ad avere mesi, se le tendenze che sono in corso si confermeranno, ancora più pesanti rispetto a quelli che abbiamo conosciuto da gennaio a maggio" ha concluso il governatore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • L'avventura di Ciro Di Maio: "Mio padre ha lasciato il clan, ora io sono un imprenditore di successo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento