De Luca: "Feste ancora vietate, sia nei locali pubblici che nei luoghi privati"

Il Governatore della Campania sull'emergenza Covid: "Ripresa contagio legata al 90% a persone che rientrano da fuori regione"

De Luca

Il Presidente della Regione Vincenzo De Luca, parlando a Piedimonte Matese, ha fatto il punto della situazione sull'emergenza Coronavirus in Campania: "A Mondragone abbiamo affrontato uno dei focolai più pericolosi d'Italia. E' stato fatto un lavoro eccezionale e nell'arco di tre settimane il focolaio è stato spento. La ripresa del contagio è legata al 90% a persone che sono rientrate dall'estero o da altre regioni. La Regione Campania sta realizzando un piano di prevenzione e sicurezza proprio in relazione ai contagi di importazione. Il 12 agosto, e ad oggi siamo l'unica regione ad averlo fatto, abbiamo emesso un'ordinanza che rendeva obbligatorio l'isolamento domiciliare per i cittadini campani che rientravano non solo dai quattro paesi più a rischio individuati dal Governo, in attesa del tampone, se non facevano già il tampone all'aeroporto. Ad oggi questo lavoro sta andando avanti in maniera estremamente attenta e dobbiamo continuare così, individuando i positivi e costruendo la rete dei contatti. Domenica abbiamo registrato 270 nuovi contagi, la metà di persone che rientravano da fuori regione. Un altro 40% è legato alla ricostruzione dei contatti, diretti o indiretti, che hanno avuto i precedenti positivi. Questo lavoro è indispensabile, perchè per ognuno che noi individuiamo oggi come positivo, ci risparmiamo tra un mese e mezzo 10 nuovi contagi. Dobbiamo proseguire su questa strada, con questo piano di prevenzione e sicurezza estremamente capillare, fin quando non si esaurisce l'onda dei rientri". 

Il Governatore ha ricordato, inoltre, che in Campania sono vietate feste e assembramenti: "L'emergenza che stiamo vivendo per quanto riguarda il Covid è pienamente sotto controllo. Chiedo ai cittadini di aiutarci nel lavoro di contenimento del Covid, che è difficile e richiede senso di responsabilità da parte di tutti. Ricordo che sono ancora in atto le ordinanze che vietano gli assembramenti. In caso di assembramenti con 3 o 5 persone e più, bisogna indossare obbilgatoriamente la mascherina. Sono ancora vietate feste in locali pubblici o luoghi privati, a maggior ragione oggi, alla vigilia dell'apertura dell'anno scolastico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, quali sono i sintomi spia e cosa tenere in casa: risponde il medico di base

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Cade dal balcone di casa: 40enne trasportata in gravi condizioni in ospedale

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

  • Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

Torna su
NapoliToday è in caricamento