rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

De Luca rilancia il Piano Lavoro: "Entro fine anno nuova tappa, vogliamo 10mila assunti"

Il Governatore partecipa alla cerimonia di presentazione degli oltre 2mila giovani che cominceranno il percorso di tirocinio nella Pubblica Amministrazione. "Dobbiamo riempire un vuoto da 10mila posti di lavoro"

Il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca ha presenziato alla cerimonia dell'inizio del percorso di tirocinio per 2175 ragazze e ragazzi,, risultati vincitori del mega concorsone indetto dalla Regione. I giovani  cominceranno un tirocinio di 10 mesi, retribuito, finalizzato all'assunzione a tempo indeterminato nei 158 comuni ed enti pubblici della Campania.

"E' stata un'esperienza difficile", ha detto De Luca. "Non è facile fare un concorso per 300mila candidati, ne siamo orgogliosi. Veniamo da decenni di martirio dei comuni italiani, con tagli drammatici al sistema delle autonomie. La Pubblica amministrazione non cammina. Da quando siamo in Regione avremmo dovuto licenziare diecimila persone, un calvario affrontare tutte le emergenze sociali. Nelle amministrazioni abbiamo giovanissimi dirigenti sull'orlo dei 70 anni". 

"Per questo", ha spiegato De Luca, "si tratta di è una bella operazione sociale e diamo ai Comuni una mano. Avevamo preso l'impegno e l'abbiamo fatto. Si ricrederanno in molti". De Luca ha poi spiegato che entro l'anno si avvierà l'organizzazione per un nuovo concorso: "Dobbiamo arrivare a 10mila assunzioni, questo è il vuoto che dobbiamo colmare. Basta precariato, non voglio più cortei. Diamo lavoro in maniera seria. Senza raccomandazioni". Rivolgendosi alla platea, De Luca ha detto: "Credo che saranno stabilizzati tutti, sono ragazzi seri". 

Mascherine

Il Governatore si è poi soffermato sull'emergenza Coronavirus: "Dal 22 renderemo facoltativo l'uso della mascherina", ha detto De Luca. "Questo non significa che facciamo festa, non è passato tutto. Resterà obbligatorio portare la mascherina, averla in dotazione, e indossarla nei luoghi di assembramento al chiuso o nei luoghi molto frequentati. Sarà però facoltativo all'aperto".

Elezioni 

"Sono indignato per l'anno scolastico che comincia il 14 giugno, poi un altro ministro dice di andare a votare il 20. Chiudiamo, riapriamo? Ci sono eminenti scienziati nel Governo nazionale". 

Terapie intensive

La Giunta Regionale ha approvato la delibera con cui si definisce il Piano per il potenziamento della rete ospedaliera secondo quanto disposto dal Decreto Rilancio del Governo n.34/2020. Il Piano risponde all'indicazione del Ministero della Salute di incrementare ulteriormente i posti letto di terapia intensiva e semi-intensiva in Campania, al fine di garantire anche pluralità di soluzioni assistenziali. Gli obiettivi indicati sono i seguenti:

·         rafforzare la risposta della rete ospedaliera alle molteplici emergenze, tra cui prioritariamente quelle delle reti tempo-dipendenti e consolidare quelle ad alta intensità di cura;

·         utilizzare quota parte dei posti letto a media ed alta intensità di cura per il pieno recupero di attività pre e postoperatorie ordinarie di chirurgia maggiore a medio-alta complessità.

·         qualificare e mettere in sicurezza la rete dei posti letto di terapia intensiva.

·         decongestionare le aree critiche dei Pronto Soccorso e della Medicina e Chirurgia di Accettazione e di Urgenza, spesso sovraffollate di pazienti critici necessitanti di elevata intensità di cure.

Per quanto attiene il potenziamento dei posti letto di terapia Intensiva è stato programmato un incremento di posti letto che determina a livello regionale un totale pari a 834 unità, rispetto ai 621 posti letto già programmati, con una dotazione omogenea sul territorio regionale pari a 0,14 per mille abitanti, secondo decreto. La dotazione complessiva ricomprende le strutture modulari esistenti, con i 120 posti letto già realizzati. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca rilancia il Piano Lavoro: "Entro fine anno nuova tappa, vogliamo 10mila assunti"

NapoliToday è in caricamento