"Daspo per chi aggredisce i medici in ospedale": flash mob al Pellegrini

La proposta è del presidente dell'Anaao Assomed Vincenzo Bencivenga: "Fare come si fa negli stadi. Chi aggredisce i medici è bandito dagli ospedali". Sei proposte per migliorare la sicurezza negli ospedali

“Pene severe per chi aggredisce un medico. In questi casi", dice provocatoriamente Vincenzo Bencivenga, segretario regionale dell’Anaao Assomed, "bisognerebbe procedere con il daspo, come si fa negli stadi. Chi aggredisce un medico lede anche il diritto alla salute degli altri cittadini”. Sono sei le richieste che il sindacato ha lanciato in occasione del flash mob di stamane all’ospedale Pellegrini.

Sparatoria al Pellegrini, picchiato infermiere

Immediato potenziamento della sicurezza all’interno degli ospedali e nelle immediate vicinanze territoriali, competenza dei Prefetti e dei Sindaci; 
Immediata attivazione di efficienti sistemi di controllo degli accessi agli ingressi degli ospedali, competenza dei Direttori Generali;
Immediata e certa denuncia all’Autorità Giudiziaria da parte dei Direttori Generali contro chi si rende responsabile di danneggiamento o violenza sulle cose e sulle persone;
Monitoraggio semestrale, da parte dei Prefetti, dei sistemi di sicurezza messi in essere dai Direttori Generali, attraverso la costituzione di un Tavolo permanente.
Elaborazione di una norma che, oltre al risarcimento dei danni materiali e fisici alle persone, preveda sanzioni penali dure e processi per direttissima con pena certa a carico dei danneggianti;
Chiusura immediata dei presidi di Pronto Soccorso che non rispondono ai requisiti infrastrutturali riguardanti l’organizzazione del triage e l’esistenza di validi e riconosciuti sistemi di controllo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Da anni l’Ordine dei Medici di Napoli si spende nella battaglia contro la violenza ai danni di chi indossa un camice. In questi giorni l’Ordine dei Medici di Napoli ha lanciato una campagna social di educazione sanitaria: l’idea è quella di affrontare anche questo tema, per aiutare i cittadini a comprendere che ogni aggressione ad un medico è un’aggressione al diritto alla salute. Chi aggredisce un medico aggredisce se stesso”. Questo il commento di Silvestro Scotti, presidente dell'Ordine dei Medici napoletani, a margine del flash mob di stamattina organizzato all’Ospedale dei Pellegrini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • Grave incidente stradale in vacanza, muore Lello Iodice: lascia la moglie e tre figli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento