menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Risultati dell'autopsia su Maradona: "Il cuore di Diego pesava il doppio del normale"

Soffriva di "cardiomiopatia dilatativa" come emerso dall'autopsia

Secondo i medici forensi che hanno eseguito l'autopsia su Maradona, il campione argentino soffriva di "cardiomiopatia dilatativa". Domani nei laboratori argentini saranno analizzati il sangue, le urine e i tamponi nasali prelevati durante l'autopsia, oltre appunto al muscolo cardiaco. La notizia è riportata dall'agenzia di stampa statale Telam.

Studi tossicologici

Gli studi tossicologici dovranno accertare la presenza eventuale di tracce di alcol, droghe o di altre sostanze nel coro del Diez nelle ore precedenti al suo decesso. Presso la sede della Soprintendenza della Polizia Scientifica nella città di La Plata si procederà anche all'analisi del cuore di Maradona, che come detto pesava 500 grammi, quasi il doppio del peso di un cuore normale. 
La "cardiomiopatia dilatativa" esordisce spesso con respiro affannoso e affaticamento. Può essere determinata da diversi fattori che possono comprendere infezioni virali o disturbi ormonali.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU MARADONA (INDAGINI COMPRESE SUL DECESSO)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Mina Settembre, anticipazioni puntata 31 gennaio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Schianto in moto, addio a Vittorio: non era ancora ventenne

  • Attualità

    Ludoteche, crisi infinita: "Senza aiuti molti non riapriranno"

  • Cronaca

    Medico trovato morto in albergo: eseguita l'autopsia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento