rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024

Carla, bruciata dall'ex: "Si può uccidere anche lasciando in vita una persona"

Ha subito 20 interventi di chirurgia plastica e ancora ne dovrà subire Carla Caiazzo, che il 1 febbraio 2016 fu sfregiata dall'ex compagno dopo la loro separazione. Lasciata sola dalle istituzioni, Carla oggi non ha più vergogna di mostrare il suo viso in pubblico e ha trovato persone disposte ad aiutarla a sostenere le ingesti spese degli interventi. Questa mattina, il Sindacato unitario dei giornalisti campani ha consegnato alla 39enne di Pozzuoli un assegno da 4mila euro circa, frutto di un'operazione di crowdfounding realizzata in collaborazione con la piataforma Meridonare. 

Carla, fondatrice dell'associazione "Io rido ancora" sta portando avanti la battaglia legislativa per riconoscere l'omicidio d'indentità perché: "Si può uccidere una persona anche lasciandola invita, uccidendo la sua identità". 

Video popolari

NapoliToday è in caricamento