Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Chiaia / Riviera di Chiaia

Crollo alla Riviera di Chiaia, gli sfollati: "Trattati come bestie"

Molte famiglie hanno trascorso la notte nelle tende allestite da Croce Rossa e protezione civile nella vicina Villa Comunale. "Le stufe non funzionavano, le coperte non bastavano"

Vigili del fuoco a lavoro

Una trentina di persone, sulle 150 sfollate dopo il crollo di un'ala del palazzo della Riviera di Chiaia, hanno trascorso la notte nelle tende allestite da Croce Rossa e protezione civile nella vicina Villa Comunale. Si tratta di alcuni nuclei familiari che risiedono a Vico Antonio Serra, stradina adiacente al palazzo interessato dal crollo di ieri. Tra loro anche anziani, bambini e una donna incinta.

La municipalità di Chiaia ha provveduto alla cena fornendo settanta pizze. Ma il giorno dopo la loro rabbia per i disagi subiti è tanta: "Non ci dormo più in tenda - dice Titina Fioretti, 81 anni - le stufe non funzionavano, le coperte non bastavano, mi sono congelata. Ho dormito senza cuscino, ci hanno portato qui alle due di notte e abbiamo avuto solo un po' di latte caldo; mentre per la colazione dobbiamo ringraziare polizia e carabinieri che hanno ceduto le loro merende ai nostri bambini. Se continua così - conclude - stasera torno a casa mia, tanto stare qui equivale lo stesso a morire".



All'assistenza degli sfollati provvede il personale della Croce Rossa: ieri 50 volontari hanno fornito la loro opera, ma la preoccupazione principale - finché rimarrà gente in tenda - é rivolta a domani quando è attesa pioggia. "Nessuno ci ha detto niente fino ad ora - aggiunge un'altra signora sfollata con i suoi otto figli - su che fine dobbiamo fare. Siamo a digiuno e non ci possiamo lavare, nelle tende non ci torniamo. In questo momento ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni, eppure siamo uomini e non bestie". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo alla Riviera di Chiaia, gli sfollati: "Trattati come bestie"

NapoliToday è in caricamento