Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Crisi, frodi e contraffazioni: crolla il consumo di pane

Coldiretti: "Il prezzo medio del pane a Napoli raggiunge il minimo tra le grandi città con un valore di 2,01 euro al chilogrammo che è pari a circa la metà di quello di Venezia"

Pane

A causa della crisi aumentano le frodi a tavola con un incremento record del 170 per cento del valore di cibi e bevande sequestrate perché adulterate, contraffate o falsificate.

E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dell'attività svolta dai carabinieri dei Nas dal 2007 al 2013, in riferimento al blitz dei carabinieri del Comando provinciale di Napoli che ieri ha portato al sequestro di nove forni e di oltre 33 quintali di pane con 49 persone denunciate.

''Il prezzo medio del pane - sottolinea la Coldiretti - a Napoli raggiunge il minimo tra le grandi città con un valore di 2,01 euro al chilogrammo che è pari a circa la metà di quello di Venezia dove si spende 4,65 euro al chilo, mostrando pero' una incredibile variabilità tra le diverse città con valori che variano tra i 3,80 euro al chilogrammo a Bologna, 2,94 a Torino, 2,74 euro al chilo a Palermo, 2,43 a Roma e 2,67 a Bari, secondo le elaborazioni sulla banca dati Osservaprezzi''. I carabinieri dei Nas, evidenzia Coldiretti, hanno sequestrato beni e prodotti per un valore di 335,5 milioni di euro nei primi nove mesi del 2013, soprattutto con riferimento proprio alla carne (24 per cento) e a farine pane e pasta (16 per cento), anche per il diffondersi di offerte low cost che - precisa Coldiretti - a volte nascondono frodi e adulterazioni.

Con la crisi quasi otto italiani su dieci (78 per cento) hanno tagliato sulla spesa per il pane, con il 42 per cento dei cittadini che nel 2013 ha ridotto le quantità acquistate mentre ben il 36 per cento si è orientato verso tipi meno costosi.

Per la prima volta nella storia degli italiani è stata servita in tavola nel 2013 meno di una fetta di pane a pasto (o una rosetta piccola) per persona. Per contenere i costi si è anche verificato ''un aumento del 18 per cento del numero di italiani che nel 2013 preparano il pane in casa''. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi, frodi e contraffazioni: crolla il consumo di pane

NapoliToday è in caricamento