Crisi sanitaria, occupata la sede dell'Aiop Campania

Gli attivisti delle reti sociali napoletane hanno occupanto la sede di rappresentanza dell'associazione di categoria di molte delle principali strutture sanitarie private della regione

Gli attivisti delle reti sociali napoletane hanno occupanto la sede di rappresentanza dell'Aiop Campania, associazione di categoria di molte delle principali strutture sanitarie private della regione Campania.

IMG_20201112_114137_357-2

"ll disastro sanitario che si palesa in queste settimane - spiegano in una nota le Reti sociali di Napoli nell'emergenza Covid19 - e ci mostra le immagini terribili di persone che non riescono ad essere curate, di famiglie costrette ad arricchire continuamente i laboratori privati per i test sul Covid (ai quali non è stato nemmeno imposto un prezzo), di mancanza di personale medico e paramedico, di ospedali che non sono stati messi in sicurezza, degli ambulatori pubblici chiusi a favore degli affati di quelli privati, di pazienti per patologie diverse dal covid abbandonati a sè stessi ha le premesse in un modello di gestione regionale (e nazionale) della Sanità che in questi anni, ma anche decenni, ha proceduto con continui tagli alla Sanità pubblica e un fiume di finanziamenti pubblici alla Sanità privata.
Ma di fronte alla pandemia è solo la Sanità Pubblica che si assume davvero l'onere di difendere la popolazione.
Così anche in questa crisi, il decreto Rilancio forniva al Governatore De Luca lo strumento della requisizione indennizzata per recuperare posti letto e strutture da chi in questi anni ha fatto milioni sulla pelle (letteralmente) dei cittadini oltre che rappresentare spesso una fonte di clamorosa clientela elettorale.
Invece si sta continuando a favorire queste lobbyes con convenzioni super-onerose, con la chiusura degli ambulatori pubblici, con la mafia dei test a pagamento senza nessun controllo.
Domani pomeriggio alle 18 invitiamo tutti e tutte in piazza Plebiscito in manifestazione anche per questo, per chiedere una patrimoniale sulle grandi ricchezze come stanno facendo altri paesi europei per interventi urgenti in sostegno della Sanità Pubblica e gli ammortizzatori sociali necessari a reggere le misure di contenimento dell'epidemia (reddito di emergenza, sostegno alle attività del terziario in crisi ecc) ma anche immediato intervento rispetto a questo scandalo degli affari nella Sanità e alla necessità di garantire da subito l'accesso e la gratuità delle cure e dei test per tutte e tutti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

Torna su
NapoliToday è in caricamento