menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Crescenzio Sepe

Crescenzio Sepe

Sepe, la Messa di Natale: "Difficile oggi confessare la nostra fede"

"La nascita di un Dio, buono e misericordioso non trova alloggio nei cuori chiusi di chi si ritiene dio di se stesso e si comporta con prepotenza nei confronti di una società bisognosa dell'aiuto di tutti"

"La nostra fede, che professiamo davanti al Bambino appena nato a Betlemme, da una Madre - Vergine, Maria di Nazareth, oggi, non è facile confessare". Così il Cardinale Crescenzio Sepe nell'omelia della Messa di Natale celebrata in Duomo.

"Come per Giovanni Battista e per i tanti discepoli di Cristo che hanno dato la loro vita per rimanere fedeli al Dio che si è fatto uomo - ha aggiunto l'Arcivescovo di Napoli - non è facile confessare e vivere la fede nei nostri ambienti, nelle nostre città, nelle nostre famiglie, nel nostro lavoro. C'e' un clima di disfattismo, se non proprio di opposizione, a tutto cio' che Gesu' di Nazareth ha predicato e operato nella sua vita".

"Il Vangelo, la Buona Notizia che egli ci ha lasciato, la pratica della carità e della giustizia, incarnata nella sua vita - ha detto ancora il Cardinale Sepe - vengono ritenute sorpassate e controproducenti da chi ha fatto dell'affermazione di se', dell'egoismo e di ogni forma di chiusura all'altro, la nuova regola di vita".

"La nascita di un Dio, buono e misericordioso - ha concluso Sepe - non trova alloggio nei cuori chiusi di chi si ritiene dio di se stesso e si comporta con indifferenza e prepotenza nei confronti di una societa' bisognosa dell'aiuto di tutti. Alla grotta di Betlemme preferiscono i palazzi del potere, la conquista delle ricchezze e della gloria umana".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Presidio per Ugo Russo, la lettera commovente dei genitori

  • Cronaca

    Covid in Campania, il bollettino: più di 2mila positivi e 14 decessi

  • Cronaca

    Scavi di Pompei, emerge un carro cerimoniale perfettamente conservato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento