rotate-mobile
Cronaca

Covid, torna la fila di ambulanze davanti all'ospedale: le tristi immagini dal Cotugno

Dopo qualche giorno di "tregua", il nosocomio partenopeo torna sotto pressione

Dopo alcuni giorni di tregua torna la fila di ambulanze all'ospedale Cotugno di Napoli. Il nosocomio partenopeo torna sotto pressione e le immagini che circolano sul web fanno rabbrividire. La testimonianza arriva dagli operatori sanitari che, proprio in queste ore, stanno assistendo coloro che - colpiti dal Covid - necessitano di cure particolari..

Le foto, scattate nel tardo pomeriggio di oggi, sono state diffuse dall'associazione "Nessuno Tocchi Ippocrate" che - con un post - respinge le critiche di molti utenti, soprattutto "no vax", che già nei giorni scorsi hanno messo in discussione la veridicità delle immagini stesse. "Ore 18.30 in diretta dal Cotugno……Adesso scattano i commenti…..“Sono foto vecchie” “È una messa in scena” “È terrorismo mediatico” “Questo non è il Cotugno” È semplicemente la triste realtà", si può leggere sui social.

Covid, fila ambulanze Cotugno

Peggiora la situazione in Campania

Intanto la situazione in Campania peggiora sempre di più. Solo il bollettino di oggi ha fatto registrare oltre 30mila positivi (tasso del 24%) e 20 morti: numeri che non erano mai stati così alti dall'inizio della pandemia. Cresce la pressione, come detto, sugli ospedali con una crescita di pazienti ricoverati sia in degenza ordinaria che in terapia intensiva.

Problemi anche con la campagna vaccinale. Anche a causa della nuova estensione del Super Green Pass, c'è stato un boom di affluenza presso i punti vaccinali, ma a quanto pare le dosi non bastano. Se questo problema non sembra riguardare ancora l'Asl Napoli 1 Centro, il discorso cambia per la provincia di Napoli dove Asl Napoli 2 e 3 si sono viste costrette a disporre le inoculazioni solo per chi è prenotato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, torna la fila di ambulanze davanti all'ospedale: le tristi immagini dal Cotugno

NapoliToday è in caricamento