Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid Center Ponticelli pronto, ma il picco è alle spalle: "Sarà utilizzato in altro modo"

Il direttore generale dell'Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva sull'ospedale da campo: "La terapia intensiva non è più una priorità ma non sarà uno spreco. Questa struttura progettata quando scenario era disastroso. Qui convergeranno i positivi, così da liberare altri presidi"

 

Una struttura messa in piedi in 28 giorni. Un ospedale da campo, in moduli prefabbricati, di cui oggi si inaugurano i primi 48 posti di terapia intensiva. Altri 22 saranno pronti per l'inizio della prossima settimana, per un totale di 72 letti a disposizione della rete sanitaria campana per la lotta al Covid-19. L'unico problema è che il nuovo presidio, realizzato nel parcheggio dell'Ospedale del Mare, arriva nel momento in cui sul territorio regionale non servono più posti in terapia intensiva. 

"E' vero - ammette il direttore dell'Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva - oggi lo scenario è diverso rispetto a 40 giorni fa quando è stato deciso di realizzare questo ospedale modulare. Oggi, i posti in terapia intensiva sono più di quanti ne servano. Dal 23 aprile questo posto può accogliere pazienti, ma spero arrivino più tardi possibile".

L'opera è costata oltre 7 milioni di euro, ma Verdoliva respinge l'accusa che si tratti di uno spreco: "Servirà per alleggerire gli altri ospedali. I pazienti Covid positivi saranno portati qui, così da consentire alle altre strutture di riprendere le normali attività ambulatoriali senza alcun rischio contagio. Inoltre, qualora in autunno dovessimo trovarci nel mezzo di una nuova ondata epidemica questi posti saranno fondamentali. Parliamo di un ospedale da campo progettato per funzionare almeno 15 anni". 

Per il direttore generale dell'Asl, non era possibile prevedere che, giunti al 20 aprile, la terapia intensiva non sarebbe stata più una priorità: "Lo scenario peggiore indicava che il picco sarebbe arrivato in questi giorni e per questo abbiamo completato in questi tempi l'ospedale. Fortunatamente, per ora è andata meglio del previsto e siamo nella parte discendente della curva. Non è stata fortuna, molto hanno inciso le scelte prese. Dopo un primo periodo in cui abbiamo accusato il colpo, la risposta è stata ottima". 

In mattinata, anche il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha fatto visita all'area per constatare il progresso dei lavori. Il governatore non ha voluto incontrare i giornalisti presenti ma ha registrato un commento per il canale web della Regione (visibile qui in basso).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento