rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Cronaca

Miracolo di San Gennaro, cosa è accaduto quando il sangue non si è sciolto

I precedenti in cui non si è compiuto il prodigio del Santo patrono della città

Cresce l'attesa in città per il cosiddetto 'miracolo laico' di San Gennaro, il terzo dell'anno. In occasione della Festa del Patrocinio del 16 dicembre, infatti, si ripete il prodigio dello scioglimento del sangue, in memoria dello scampato pericolo di Napoli dalla disastrosa eruzione del Vesuvio nel 1631, quando il sangue si sciolse e il magma miracolosamente si fermò evitando di invadere la città.

Il sangue al momento è solido e non si è ancora liquefatto. I precedenti nell'ultimo secolo in cui il sangue del Santo patrono non si è sciolto fanno tremare i napoletani. 

Il prodigio non si è verificato, ad esempio, nel settembre del 1939 e del 1940, in corrispondenza con l’inizio della Seconda Guerra Mondiale e dell’entrata nel conflitto dell’Italia.

La stessa cosa era accaduta nel settembre del 1943, data dell’occupazione nazista, nel settembre del 1973, periodo della diffusione del colera a Napoli, nel settembre del 1980, anno del terremoto in Campania e nel dicembre del 2016, pochi mesi prima dei tragici e ripetuti incendi sul Vesuvio e del terremoto ad Ischia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Miracolo di San Gennaro, cosa è accaduto quando il sangue non si è sciolto

NapoliToday è in caricamento