Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Devi mettere la mascherina" e scatta la rissa nel supermercato

Litigio in coda per acquistare generi di prima necessità in un negozio di Casoria. Aggressione partita perché un uomo non portava il dispositivo di protezione personale

 

La quarantena incide anche sullo status psicologico delle persone. Se alla reclusione si aggiunge l'irresponsabilità di alcuni e la paura di altri, il mix è esplosivo. In un supermercato di Casoria, due uomini se le sono date di santa ragione mentre erano in coda. Il motivo è che uno dei due non portava mascherina. Nel video, pubblicato sulla pagina Facebook del cantante e comico napoletano Luca Sepe, si sente una persone dire un paio di volte "Ti devi mettere la mascherina" prima di partire con schiaffi, pugni e calci. La rissa è andata avanti per diversi minuti. 

Le denunce

I carabinieri della stazione di Arpino di Casoria hanno denunciato 2 delle 4 persone coinvolte in una rissa all’interno di un supermercato di Via Nazionale delle Puglie a Casoria. Si tratta di un 21enne di Casalnuovo di Napoli e di un 28enne di Casoria, entrambi già noti alle forze dell'ordine .

I due denunciati – hanno riscostruito i militari - sono stati aggrediti perché non rispettavano la distanza di un metro e non indossavano la mascherina di protezione nella fila che anticipava il pagamento alle casse

Il 21enne è stato trovato in possesso di un coltellino e risponderà anche di porto abusivo di arma da taglio. L’altro sarà denunciato anche per possesso ingiustificato di chiavi alterate grimaldelli poiché portava con sé due cacciaviti, un paio di forbici e alcune chiavi modificate,  e per vilipendio alle forze armate.

Durante il controllo ha offeso e insultato gli operanti e l’intera Arma dei Carabinieri. Continuano le indagini per risalire agli altri 2 soggetti coinvolti.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento