Coronavirus, Associazioni che tutelano ciclisti urbani: "Riparare bici è servizio essenziale"

Lettera al Governo di 11 associazioni impegnate nella tutela dei ciclisti urbani per chiedere di esonerare i ciclomeccanici dall'obbligo di chiusura: "Per molti la bici è l'unico mezzo"

Inserire anche i "ciclomeccanici" tra le attività essenziali da esonerare dall'obbligo di chiusura stabilito per il contenimento del coronavirus. A chiederlo al Governo sono 11 associazioni impegnate nella tutela dei ciclisti urbani, sparse in tutta Italia: Salvaiciclisti Roma, Salvaiciclisti Bologna, Rete Vivinstrada, Fiab Napoli pedala, Milano bicycle coalition, Legambici, Bike to school, Fiab Firenze ciclabile, Alleanza mobilità dolce e Fondazione Michele Scarponi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con una lettera inviata ai ministri Stefano Patuanelli (Sviluppo economico), Roberto Gualtieri (Economia) e Nunzia Catalfo (Lavoro) le associazioni invocano uindi di consentire l'apertura delle attività di riparazione della bicicletta, "in quanto mezzo di trasporto essenziale per un'ampia fascia della popolazione e strumento di lavoro per i corrieri". L'esclusione dall'elenco dei servizi essenziali, infatti, secondo i firmatari della lettera "appare profondamente discriminatorio per un'ampia parte della popolazione che ha scelto la bicicletta quale unico o prevalente mezzo di trasporto per tutte le proprie attivita' quotidiane, come andare a lavoro o svolgere le proprie attivita' necessarie previste dal decreto". In particolare, poi, l'intera categoria dei corrieri in bicicletta "risulta danneggiata da questa esclusione, in quanto nell'ipotesi di rottura del mezzo o bisogno di manutenere lo stesso, si trova nell'impossibilita' di provvedere alla sua riparazione". Nella classificazione Ateco, però, l'attivita' dei ciclomeccanici è considerata non essenziale perché attinente a chi ripara attrezzatura da campeggio e articoli sportivi, spiega Salvaiciclisti Bologna diffondendo la lettera: "Nel mondo reale però la bicicletta un mezzo di trasporto, a volte l'unico, essenziale per andare al lavoro, fare la spesa, andare dal medico". Tra l'altro, fa notare l'associazione, questa esigenza vale anche per medici e infermieri, che scrivono messaggi di questo genere: "Come farò a raggiungere l'ospedale se avrò un problema meccanico nei prossimi giorni, anche una semplice foratura? Sarò costretto a prendere i mezzi pubblici, aumentando il rischio di contagio per me stesso e per gli altri".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

Torna su
NapoliToday è in caricamento