Coronavirus, 38enne positivo trasferito al Cotugno

L'uomo è residente nel napoletano. Non è collegato al focolaio di Mondragone

Un 38enne è risultato positivo nell’ospedale Santa Maria delle Grazie. L'uomo, originario di Caivano, con patologie pregresse, è stato trasferito al Cotugno, specializzato in malattie infettive, secondo quanto riporta Cronaca Flegrea.

Il 38enne, affetto da altre patologie, sintomatico, era ricoverato in ospedale da aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso dell'uomo non è in alcun modo collegabile al focolaio di Mondragone, dove si sono registrati 11 casi di positivi al tampone nelle ultime ore. Nella città del casertano è stata disposta dalla Regione Campania una zona rossa per settecento persone.

CORONAVIRUS: I POSITIVI DI IERI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento