Coronavirus, De Luca: "Oggi 14 positivi in Campania. Due i focolai"

"Quattro sono relativi allo screening fatto sul Litorale Domizio presso un campo di extracomunitari, alcuni relativi a un focus che abbiamo a Pisciotta, nel Cilento di persone che erano proveniente da Capri e che avevano avuto contatti con il gruppo di ragazzi che veniva da Roma e risultati positivi

 "Oggi abbiamo 14 contagi". Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della regione Campania, anticipando il consueto bollettino della task force impegnata nell'arginare l'epidemia da Covid-19.

"Quattro sono relativi allo screening fatto sul Litorale Domizio presso un campo di extracomunitari, alcuni sono invece relativi a un focus che abbiamo a Pisciotta, nel Cilento di persone che erano provenientI da Capri e che avevano avuto contatti con il gruppo di ragazzi che veniva da Roma e risultati positivi. I due fenomeni più rilevanti sono i quattro del Litorale Domizio e i casi di Pisciotta, dove c'è un piccolo focolaio. Per il resto c'è una situazione assolutamente normale e tranquilla con 4 o 5 contagi in maniera sparsa sul territorio e non c'è alcuna preoccupazione a condizione che siamo responsabili", spiega il presidente della Regione.

SCUOLA

"Il governo ha promesso impegno ma ritengo che sia meglio prepararsi, con mezzi nostri, a 180mila test per rientro a scuola. Dobbiamo garantire serenità per rientro in classe". Sono le parole del governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca in vista del rientro a scuola il 14 settembre".

SILERI A NAPOLI, VISITA AL PASCALE

"Le variazioni giornaliere dei positivi sono nella norma, non mi starei a preoccupare di 10 positivi in più o in meno. Io non sono preoccupato perché il trend è di perfetta stabilità – ha innanzitutto spiegato a proposito del contagio – È chiaro che ci sono dei focolai in alcune aree del Paese e l'importante è tenerli sotto controllo facendo un numero importante di tamponi. Il nostro futuro è ormai con questa nuova malattia generata dal Coronovirus che è entrata prepotentemente nei libri di medicina e dobbiamo convivere con il virus, che esiste, sapendo che arriveremo a un indice di contagio pari a zero solo quando avremo il vaccino o un'immunita di gregge". Intanto l'invito è a difendersi con "la distanza di sicurezza, con l'uso delle mascherine, con il lavaggio delle mani e chiunque manifesti qualunque sintomo riferibile a questa malattia deve subito informare il proprio medico di base".

VACCINO

"Chi sta facendo la ricerca per i vaccini annuncia addirittura la possibilità di avere un vaccino per fine anno – ha aggiunto inoltre Sileri a proposito della questione vaccino – Immagino quindi che i risultati che hanno siano molto, molto incoraggianti e che la strada è ben percorribile".

BOLLETTINO

Il nuovo bollettino sull'emergenza è stato diffuso dalla task force regionale intorno alle 17. Come anticipato da De Luca 14 i nuovi casi su 1.555 tamponi effettuati, un nuovo guarito e nessuna nuova vittima.

CORONAVIRUS. I CONTAGI A NAPOLI E PROVINCIA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento