menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca

Covid, arriva l'ordinanza: dal 1 marzo chiuse tutte le scuole

Per due settimane stop alla didattica in presenza. Situazione epidemiologica in peggioramento, la raccomandazione: "Evitare tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo"

Come già annunciato ieri dal presidente della Regione Vincenzo De Luca, è stata pubblicata oggi l'ordinanza che sospende dal 1 marzo prossimo, cioè da lunedì, l'attività didattica in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e dei servizi per l’infanzia (sistema integrato 0-6 anni), delle scuole di ogni ordine e grado e delle Università.

La durata dell'ordinanza è a oggi dall'1 al 14 marzo. In questo lasso di tempo restano comunque consentite in presenza le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità, previa valutazione, da parte dell’Istituto scolastico, delle specifiche condizioni di contesto e in ogni caso garantendo il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica a distanza.

Inoltre, data la conferma della circolazione di varianti del Coronavirus a maggiore trasmissibilità, Palazzo Santa Lucia "raccomanda alla popolazione di evitare tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile".

Le ragioni dell'ordinanza

A monte del provvedimento, la stessa ordinanza specifica che è la "quarta settimana consecutiva" con "un peggioramento nel livello generale del rischio", che c'è una "accelerazione nell’aumento dell’incidenza nazionale, con una diminuzione dell’età mediana dei casi ed evidenza di focolai prevalentemente in ambito domiciliare", e che i dati "fanno rilevare, per la Regione Campania, una situazione di seria criticità, attestata tra l’altro dal confronto tra il valore di Rt nazionale, pari 0,99, a fronte del valore di Rt regionale, pari a 1,04 e da un’incidenza nazionale di 145/100.000 a fronte dell’incidenza regionale di 157/100.000".

Il testo integrale dell'ordinanza

Le anticipazioni di De Luca

La reazione dei 'No Dad'

Non si è fatta attendere la reazione dei genitori 'No Dad', favorevoli alla didattica in presenza. Hanno fatto sapere che sono in corso di valutazione "diverse azioni" a contrasto della decisione presa da Palazzo Santa Lucia. "Prendiamo atto delle ultime determinazioni del presidente della Regione Campania e valuteremo quali azioni intraprendere per tutelare, come sempre, la salute psicofisica dei nostri figli, nonché il loro diritto all'istruzione, equiparando la Campania al resto d'Italia", spiegano dal Coordinamento Scuole Aperte Campania.
Lo stop della didattica in presenza arriva - almeno per gli studenti delle scuole superiori - ad un solo mese dal ritorno in aula 50 per cento: erano precedentemente sono stati in Dad dal 16 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento