Riaperture, pubblicato il nuovo Dpcm: si aspetta l'ordinanza della Regione

Strappo di De Luca che non ha firmato l'accordo. Contrario all'analisi epidemiologica a carico della Regione prima delle riaperture

È stato pubblicato pochi minuti fa il nuovo Dpcm firmato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e annunciato ieri sera in conferenza stampa. Il nuovo decreto definisce le modalità di riapertura di diverse attività, lasciando però ampio margine di manovra alle regioni che potranno stabilire nuove date e linee guida da far seguire. Per questo motivo sarà fondamentale la pubblicazione delle linee guida da parte della Regione Campania. Confermate tutte le anticipazioni date dal presidente del Consiglio con delle specifiche importanti soprattutto per le attività balneari. Per quanto riguarda le attività commerciali, la Regione Campania non ha firmato l'accordo stanotte all'esito di una conferenza fiume Stato-Regioni. Secondo De Luca e Bonavitacola che vi hanno partecipato, è necessario l'intervento del ministero della Salute che deve assumersi la responsabilità delle riaperture e non scaricarne il peso sulle regioni. Per questo motivo allo stato attuale De Luca ha annunciato che domani non riapriranno ancora pub, ristoranti, bar e altre attività commerciali. Le cose però potrebbero repentinamente cambiare nelle prossime ore. 

Chiese

Mantenere una distanza minima di sicurezza pari ad almeno un metro laterale e frontale. In chiesa si andrà con le mascherine, chi ha una temperatura corporea pari o superiore ai 37,5° dovrà rimanere a casa. Si continuerà a mantenere vuote le acquasantiere della chiesa. Può essere prevista la presenza di un organista, ma senza il coro. Niente scambio del segno della pace. La distribuzione della Comunione dovrà avvenire dopo che il celebrante e l’eventuale ministro straordinario avranno curato l’igiene delle loro mani e indossato guanti monouso; gli stessi offriranno l’ostia senza venire a contatto con le mani dei fedeli. 
Le eventuali offerte non saranno raccolte durante la celebrazione, ma attraverso appositi contenitori, che possono essere collocati agli ingressi o in altro luogo ritenuto idoneo. Le disposizioni relative al distanziamento e all’uso di idonei dispositivi di protezione personale si applicheranno anche nel caso di: Battesimo, Matrimonio, Unzione degli infermi ed Esequie. La celebrazione della Cresima è rinviata.

I centri benessere e culturali 

"Sono sospese le attività di centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l'erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali e centri sociali".

Spettacoli e teatri

Gli spettacoli nei teatri, sale da concerto, cinema possono riprendere dal 15 giugno "con posti a sedere preassegnati e distanziati", nel rispetto della distanza di un metro per personale e spettatori. Viene indicato un numero massimo di 1000 persone per spettacoli all'aperto; 200 persone per spettacoli al chiuso, per singola sala. Le regioni possono stabilire una diversa data in relazione al contagio. Resta il divieto quando ci sia assembramento e per sale da ballo e discoteche.

Piscine 

Dal 25 maggio potranno riaprire anche le piscine, ma le Regioni potranno anticipare o posticipare le aperture. È previsto l'obbligo di disinfettare sdraio, lettini e ombrelloni ad ogni cambio di persona o nucleo familiare, la possibilità di misurare la temperatura a tutti, una 'densità di affollamento' in vasca calcolata con un indice di "7 mq di superficie a persona". Stesso spazio deve essere garantito nelle aree solarium.

Viaggi all'estero 

Dal 3 giugno sparisce ogni limitazione - e non c'è più quarantena - per gli spostamenti all'estero verso gli Stati dell'Unione europea e dell'area Schengen, la Gran Bretagna, Andorra e il Principato di Monaco, San Marino e Città del Vaticano. Restano vietati gli spostamenti per altri Paesi, "salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute. Resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza".

Cortei 

Tutti i cortei restano vietati a data da destinarsi. Nell'articolo 1 lettera i si afferma: "Lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica, a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento, nel rispetto delle prescrizioni imposte dal questore".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte le notizie sul Coronavirus 

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento