Allarme Coronavirus, il tampone del cittadino cinese sarà analizzato a Roma

Il 28enne proviene dalla Regione di Hubei, epicentro del virus

E' stato effettuato il tampone sul cittadino cinese di 28 anni, proveniente dalla provincia di Hubei, in cui è compresa Wuhan (città epicentro del Coronavirus), presentatosi al Pellegrini con sintomi sospetti e poi trasferito al Cotugno, ospedale specializzato in malattie infettive. Non è escluso il 28enne possa essere arrivato in Italia con il volo Wuhan-Fiumicino della scorsa settimana.

È presso l'Azienda Ospedaliera dei Colli che il 28enne è stato sottoposto agli esami di rito. Il campione è stato inviato a Roma dove sarà analizzato allo Spallanzani, Istituto nazionale per le malattie infettive, come da protocollo ministeriale, visto che la provenienza del paziente e i sintomi accusati hanno fatto scattare automaticamente la procedura d'emergenza. Tale decisione non deve però preoccupare perché potrebbe anche trattarsi di una banale influenza o di bronchite.

CORONAVIRUS, TUTTE LE NEWS

Le istruzione del Ministero della Salute

Coronavirus a Napoli

Risale a pochi giorni fa un altro allarme Coronavirus a Napoli, rivelatosi poi una classica influenza. Una 63enne dello Sri Lanka, tornando da un soggiorno in Asia, aveva mostrato sintomi compatibili alla malattia. Dopo le analisi è stata però fortunatamente esclusa l'ipotesi fosse stata contagiata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stamane, a Radio Crc, il direttore dell'Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva aveva toccato l'argomento virus cinese. "È partita una macchina organizzativa importante, che vede dei protocolli ben organizzati in tutto il mondo. Il Ministero della Salute – ha spiegato – ha trasmesso una circolare. L'Asl Na 1 ha individuato i dispositivi in generale, ha trasmesso ai dipendenti delle linee guida per l'accettazione dei pazienti e, con il 118, ha messo in campo dei protocolli, perché anche in prima linea è importante dire ai nostri dipendenti come comportarsi, onde evitare il contagio".
I morti in Cina sono intanto saliti a 106, mentre le persone contagiate si assestano secondo gli ultimi dati intorno alle 4mila unità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento