Servono medici, la protesta dei neolaureati: "De Luca, ratifica la nostra abilitazione"

Sono in 150, e potrebbero entrare in servizio ma la loro abilitazione professionale è ferma a causa dello slittamento del rinnovo delle cariche dell’Ordine

È protesta, in rete, contro il post pubblicato nella serata di ieri dal governatore della Campania Vincenzo De Luca. “Signor Presidente Conte - ha scritto l'ex sindaco di Salerno - Le ricordo che avevamo chiesto l'invio immediato da parte della Protezione Civile di 600 medici (con particolare attenzione agli anestesisti) e 800 infermieri. Ad oggi sono arrivati solo 22 medici e 81 infermieri”.

Oltre 150 medici neolaureati in Campania, però, non aspettano altro - fanno sapere - "che di poter dare una mano contro l’emergenza Covid".

La mobilitazione per loro è nata in queste settimane sulle pagine di Change.org, grazie ad una petizione lanciata dalla dottoressa Carla Fasano che in un appello pubblico, firmato da oltre 13mila persone, chiede al governatore De Luca e ai vertici dell’Ordine dei Medici di Napoli di ratificare l’abilitazione professionale dei giovani neolaureati che al momento è ferma a causa dello slittamento del rinnovo delle cariche dell’Ordine che di fatto impedisce ai medici di prendere servizio negli ospedali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento