menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il coordinatore di Libera: “Anche i giovani finiscono in ospedale”

Il 32enne Mariano Di Palma ha scritto un messaggio dal letto d'ospedale dove è stato ricoverato d'urgenza

Spesso sentiamo dire che tra i positivi al Covid si ammalano di polmonite solo coloro che hanno patologie preesistenti. Una credenza che viene smentita quotidianamente dai fatti e dai racconti che arrivano da ogni parte d'Italia. Uno di questi è quello di Mariano Di Palma, coordinatore regionale di Libera in Campania e ricoverato in ospedale per Covid. Il 32enne è trattato con l'ossigeno quotidianamente e dal letto d'ospedale a Scafati a voluto raccontare la sua storia e il decorso della sua malattia. 

La testimonianza

“Torno a scrivere su fb dall'ospedale covid di Scafati dove da ieri sono ricoverato di urgenza. Non fanno bene queste immagini a chi mi conosce e mi vuole bene, ma sento il dovere di far capire a tutte e tutti quanto è rischioso questo virus tremendo. Perfino su di me che ho 32 anni e nessuna patologia può prendere una polmonite aggressiva tale da tenermi a letto potendo essere nutrito solo per via indovenosa.

La situazione non è affatto semplice. Uscirne sarà un cammino lento con lentissimi miglioramenti quando ci saranno. Le terapie sono dure. Gli strumenti degli ospedali pochissimi. Qui manca il "casco" solo per dirne una. E questi sarebbero i miracoli fatti in questi mesi? Per fortuna abbiamo un personale medico ingegnoso e coraggioso che non si risparmia in cura e gentilezza. Che umanità bellissima queste dottoressa e questi infermieri!!!

So che questa sofferenza e questo silenzio (non riesco a parlare) saranno un salto di profondità e visione per il futuro. Certamente mi cambierà tutto questo rendendo la mia tempra più dolce e più intensa. Ho visto i messaggi di tutti in questi giorni. A migliaia. Mi avete donato sorrisi e lacrime di gioia. Siete state e siete maestri, compagni di strada, persone che amo nel profondo, amici di una vita, fratelli e sorelle non di sangue, ma di vita, umanità, empatia, bellezza. Non dimentichiamoci di cambiare questo fortuito mondo. Tengo duro solo per questo.

P.s. Fate attenzione. Evitate contatti. Il virus in Campania é fuori controllo. State attenti. Le misure e le disponibilità delle nostre strutture sono fragili a causa di politiche scellerate, ma ora mentre lottiamo giustamente per questo, non perdiamo di vista di stare attenti a noi e ai nostri cari. Entrambe le cose assieme per non perdere cura e impegno. Vi voglio bene. É una cosa così bella da poter dire”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento