Coronavirus, file al Cotugno per il tampone. I medici: "Parlatene prima con il vostro dottore"

Il consiglio di Luigi Sparano e Corrado Calamaro della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale: "Molti ignorano che i tamponi non sono risorse infinite. Deve essere il medico a stabilire se farlo o no"

(Ansa)

"I cittadini devono capire che non si può andare in ospedale a fare tamponi senza aver interpellato prima il proprio medico di famiglia. Se non si cambia rotta molto presto sarà il caos". Così Luigi Sparano e Corrado Calamaro della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale commentano le file che in queste ore si stanno registrando all'ospedale Cotugno. "Così le aziende ospedaliere vanno in difficoltà e questo non va bene. [...] Il tampone  non è un test da fare tanto per tenere a bada l'ansia. Deve essere il medico di famiglia a prescriverlo sulla base di una valutazione clinica ed epidemiologica accurata. Le risorse non sono infinite e se centinaia di pazienti che non hanno motivo di credere di essere stati contagiati si sottopongono al tampone, si corre il rischio di perdere tempo prezioso per l'individuazione e la cura di chi ha sintomi o è entrato in contatto con un caso positivo". 

La FIMMG raccomanda dunque di rivolgersi prima ai medici di medicina generale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

Torna su
NapoliToday è in caricamento