rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, la Regione chiude discoteche e luoghi d'assembramento

Due distinte ordinanze in serata: chiusura di discoteche e luoghi simili, fino al 15 marzo. Isole del Golfo vietate ai turisti provenienti dalle zone rosse. 63 i casi in Campania, c'è un primo decesso

Sono 63 i casi di Coronavirus in Campania. Lo ha appena comunicato il Presidente della Regione Vincenzo De Luca. Nel pomeriggio di oggi sono stati analizzati al Cotugno 45 tamponi. Sei di questi sono risultati positivi. Come per tutti gli altri, si attende la conferma ufficiale da parte dell'Istituto Superiore di Sanità.

Nella mattinata erano stati esaminati 47 tamponi, di cui 7 positivi. Per questo, nella giornata di oggi si sono registrati 13 tamponi positivi su 92 tamponi analizzati. In riferimento al decesso di un paziente in provincia di Caserta, il tampone è risultato positivo.

In serata la Regione Campania ha reso pubbliche due ordinanze che contengono nuovi provvedimenti adottati per prevenire il contagio del Coronavirus. 

Discoteche

La Regione Campania ha disposto la sospensione immediata - su tutto il territorio regionale - fino al 15 marzo 2020 delle discoteche, di ogni altro luogo di svago o divertimento la cui frequentazione, per le modalità di ritrovo, comporti assembramento degli utenti e comunque non consenta che il servizio sia espletato per i soli posti a sedere e con il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro disposto nel DPCM del 4 marzo. 

L'ordinanza è stata notificata a Sindaci, Prefetti, e Questure perché dispongano le verifiche e i controlli di rispettiva competenza in ordine all'osservanza delle presenti. 

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

Isole del golfo

La secondo ordinanza (numero 6) dispone una limitazione per l'accesso alle isole del golfo di Napoli (Capri, Ischia, Procida) per i turisti provenienti dalle zone rosse. In particolare, non potendo sulle isole provvedere a una "scrupolosa sorveglianza sanitaria", la Regione Campania ha disposto la limitazione all'accesso alle isole del Golfo di Napoli di gruppi organizzati di visitatori provenienti dalle regioni e province di cui agli allegati 2 e 3 al DPCM del primo marzo 2020 attraverso il divieto di imbarso sulle linee di collegamento con le isole.

Un caso a Ischia

E' disposto inoltre l'obbligo di adozione di misure di controllo individuale e rilevazione della temperatura corporea di tutti i passeggeri in imbarco verso le isole. A tal fine viene disposta la costituzione di 4 postazione di verifica - attraverso l'utilizzo di strutture già esistenti (postazioni mobili da installarsi all'uopo) nel porto di Sorrento, Porta di Massa e Beverello e Pozzuoli

Obbligo di effettuare sanificazioni degli abitacoli su tutti i veicoli e osservanza di distanza minima tra passeggeri. 

Morto in Campania, positivo al Coronavirus

L'ospedale Cotugno di Napoli ha intanto confermato nel pomeriggio che il 47enne morto ieri mattina nell'ospedale di Sessa Aurunca era affetto da Coronavirus. L'uomo, residente a Mondragone, era stato ricoverato per problemi respiratori: una crisi aggravata da patologie sottostanti. Tra mercoledì e giovedì le sue condizioni si sono aggravate e giovedì mattina è deceduto. Si tratta della prima morte di una persona risultata poi positiva al virus in Campania.

Dopo il decesso i sanitari hanno chiesto il test orofaringeo per Covid-19 che oggi ha dato esito positivo. 

Dettagli su CasertaNews

La direzione dell'ospedale San Rocco di Sessa Aurunca ha poi disposto la quarantena del personale sanitario che ha interagito con il 47enne. Isolati anche i familiari. 

Un nuovo caso si è aggiunto, sempre in serata, a Castellammare di Stabia. Si tratta di una professoressa che insegna in un istituto a Torre del Greco. "Pochi minuti fa abbiamo ricevuto la comunicazione da parte della protezione civile della Regione Campania che una persona residente a Castellammare di Stabia risulta essere contagiata da coronavirus (Covid-19). Si tratta di una delle docenti in servizio presso l’Istituto Don Bosco - D’Assisi di Torre del Greco", ha scritto il sindaco di Castellammare Gaetano Cimmino.

I casi in Campania

63 sono i casi ufficiali comunicati dal presidente della Regione Vincenzo De Luca.

"Il 60% circa è in isolamento domiciliare, il 40%, anche meno, viene ricoverato negli ospedali. Calcoliamo un aumento di contagiati tra 5-7 persone al giorno, se la tendenza rimane questa non abbiamo problemi. Se si supera la soglia tutto diventa più complicato", spiega il governatore della Campania  Vincenzo De Luca a Lira Tv, chiarendo poi che si sarebbe pronti nel caso ad un piano nel caso dovessero esplodere i contagi tra la popolazione. "Ci stiamo preparando ad un contagio di massa, raddoppiando i posti letto in terapia intensiva. Vogliamo rendere ogni provincia autonoma".

Donna incinta positive al Covid-19

"Stiamo lavorando per avere un reparto dedicato a donne incinte che contraggono il Coronavirus. Saremo pronti tra 3-4 giorni. Stiamo facendo cose inimmaginabili". sono le parole di Vincenzo De Luca, a LiraTv. "Una donna incinta è arrivata al Cotugno proprio perché risultata positiva. Però al Cotugno, ospedale di assoluta eccellenza, non c'è un reparto di ostetricia e ginecologia. Stiamo pensando di avere un luogo, forse sarà il Secondo Policlinico della Federico II, dove avere un reparto di malattie infettive, di ostetricia e di terapia intensiva neonatale. Così daremo alle mamme e ai bimbi il massimo di tranquillità e assistenza".

Polizia, dirigente in quarantena

E' stato ricoverato al Cotugno un dirigente della Polizia di Stato in servizio a Napoli, risultato positivo al tampone sul Covid-19. Tre colleghi sono invece in quarantena nelle proprie abitazioni e per loro al momento nessun sintom

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la Regione chiude discoteche e luoghi d'assembramento

NapoliToday è in caricamento