Coronavirus, De Luca: "Tra una settimana risolveremo il problema"

Il Governatore: "Stiamo già calando, bisogna essere ottimisti. Abbiamo deciso di andarli a cercare noi i positivi, chi non fa questo lavoro fra un mese chiuderà le regioni"

In diretta dall’azienda Treofan di Battipaglia, il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca ha parlato dell’emergenza Covid-19. “Abbiamo dato prova straordinaria, nessuno se l’aspettava. Da due mesi l’Italia è aperta. Siamo quelli con la maggiore densità di popolazione, la regione più difficile e più esposta – se apriamo tutto. Ma siamo anche l’unica regione che ha reso obbligatori tamponi e quarantena per chi arriva da fuori. Se non facciamo oggi filtro fra un mese succederà una tragedia. Ancora una settimana poi risolviamo il problema. Già stiamo scendendo. Dal 12 agosto a oggi abbiamo riscontrato duemila positivi fermati, la gran parte asintomatica. Se non avessimo fatto ordinanza oggi ci sarebbero tremila persone contagiate. Chi non fa oggi questo lavoro fra un mese dovrà chiudere le regioni. Ci vuole rigore e mascherina, soprattutto quando si parla da vicino". 

Lavoro: "Campania Olanda d'Italia"

“Ho grande fiducia verso il futuro. Abbiamo varato un concorsone, riapriremo il bando, c’è un altro concorso per 600 posti per i centri per l’impiego già in atto. Vogliamo misure di defiscalizzazione e detassazione degli utili d'impresa per chi investe al Sud. Stiamo lavorando per diventare noi come l’Olanda, defiscalizzazione totale per chi investe", ha concluso De Luca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento