De Luca: “Da venerdì coprifuoco alle 23 in Campania”

L'annuncio del presidente della Regione Campania. Anticipato il provvedimento di una settimana. Ritorno in classe per le elementari da lunedì

La Regione Campania chiederà il coprifuoco dalle ore 23 nel fine settimana già a partire dal prossimo venerdì. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, oggi in visita all'Ospedale del Mare. "Volevamo partire dall'ultimo weekend di ottobre, ma partiamo ora", ha spiegato De Luca. La richiesta sarà analoga a quella già presentata dalla Regione Lombardia e cioè "il blocco delle attività e della mobilità dalle ore 23".

La richiesta di medici 

"Abbiamo chiesto 600 medici e 800 infermieri. La competenza sulle richieste fatte allo Stato è della Protezione civile. Siamo stati rassicurati dell'arrivo di 50 medici e di cento infermieri, ma per il momento non sono ancora arrivati". Il governatore è tornato a denunciare una mancanza di medici in Campania. "Siamo clamorosamente al di sotto delle esigenze minime poste dalla Regione - ha sottolineato il governatore -. Dovremmo avere 55mila dipendenti secondo lo standard ministeriale e invece ricordo che abbiamo 12mila medici in meno. Per questo abbiamo chiesto altro personale e si deve rispondere, ma non con questi numeri risibili e clamorosamente insufficienti. Vedremo nei prossimi giorni, intanto faremo miracoli per reperire da altri reparti gli anestesisti necessari".

Il ritorno a scuola

"Autorizziamo da subito progetti speciali per bambini disabili e autistici e da lunedì anche le attività delle elementari". La decisione è stata assunta a seguito di una riunione tra l'assessora all'Istruzione Lucia Fortini e le organizzazioni sindacali del comparto scuola "che hanno concordato sulle misure relative alla scuola e su cui il Tar ci ha dato ragione", ha aggiunto De Luca. "I dirigenti scolastici - ha spiegato il governatore - devono rivolgersi alle Asl per garantire che ci siano condizioni di sicurezza. Nella riunione si è deciso che il presupposto per riaprire deve essere la garanzia delle condizioni sanitarie. Questa è la garanzia che non puo' essere scaricata sui presidi, ma sulle Asl" ha concluso De Luca. In Campania si va dunque anche verso il ritorno della didattica in presenza per le scuole elementari da lunedì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, quali sono i sintomi spia e cosa tenere in casa: risponde il medico di base

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Cade dal balcone di casa: 40enne trasportata in gravi condizioni in ospedale

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

  • Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

Torna su
NapoliToday è in caricamento