Cronaca

Coronavirus, l'andamento Covid da agosto a febbraio: aumentati del 37% i positivi under 18 a Napoli

Casi in aumenti nelle Municipalità nove e dieci

Nel periodo dal 1 agosto 2020 al 7 febbraio 2021 il numero dei infezioni COVID-19 nella città di Napoli è stato pari a circa 42.456 casi. Dopo una fase di forte crescita giornaliera dei casi fino all’inizio di novembre 2020, con oltre mille casi notificati in un giorno (6 Novembre), è seguita una fase di diminuzione dell’incidenza terminata verso la fine di Dicembre (Figura 1). Nella prima parte di gennaio 2021 si è osservata una fase di sostanziale stabilità del contagio, ma nelle ultime due settimane (dal 25/01 al 07/02) sono stati notificati 2.774 casi, in aumento del 10% rispetto alle due settimane precedenti (dal 11/01 al 24/01) nella quale i casi riportati erano 2.523. La Città di Napoli evidenzia una incidenza di COVID-19 sempre maggiore rispetto alla Regione Campania nel periodo considerato (Figura 2), circa il 12% in più al 7 febbraio 2021. Questo si riflette sul dato della mortalità, notevolmente aumentata, con un tasso di mortalità attuale che risulta essere aumentato del 67% rispetto a quello della Regione Campania (99.6 vs 59.7 x 100.000 abitanti al 7 febbraio 2021) (Figura 3). Il numero di ricoveri ospedalieri registra una drastica diminuzione, parzialmente dovuto ad un possibile ritardo nella notifica, e in linea con la diminuzione dei casi dopo il picco di Novembre (Figura 4). Anche il numero di terapie intensive risulta in diminuzione (Figura 4). Non sono stati effettuati confronti sui dati di ospedalizzazione della Regione Campania.

Analisi per età
In Figura 5 è mostrata l’incidenza settimanale per classi d’età per 10.000 abitanti a partire dal 1 agosto. Nelle ultime 4 settimane appare stabile il contagio nelle classi di età maggiori di 18 anni, mentre nella classe di età 6-18 anni si osserva un incremento del contagio, in particolare nell’ultima settimana si è avuto un incremento del 37% rispetto alla precedente (15.6 vs 11.4 x 10.000 abitanti) (Figura 5). Incremento che invece non si evidenzia nei bambini con età inferiore ai 6 anni.

Analisi incidenza per quartiere/municipalità
Nelle ultime quattro settimane le Municipalità della Città evidenziano una variabilità del contagio nelle diverse parti della Città (Figura 6). In particolare, le municipalità nona (Pianura, Soccavo) e decima  (Bagnoli, Fuorigrotta) mostrano valori più alti di incidenza rispetto alle altre municipalità (Figura 6).  Il confronto dei tassi di incidenza settimanali per 10.000 abitanti per quartiere nelle settimane dal 11 gennaio al 24 gennaio è presentato in Figura 7 e mostra una maggiore incidenza nei quartieri Pianura, Scampia e Chiaiano. Analogamente per il periodo dal 25 gennaio al 07 febbraio (Figura 8) si nota un aumento dei contagi nei quartieri Soccavo, Fuorigrotta, San Giuseppe e San Ferdinando.

Conclusione
Nelle ultime quattro settimane (dal 11/01 al 07/02) nella città di Napoli si è passati da una situazione stazionaria del contagio a un nuovo incremento dei casi. Le municipalità nona e decima evidenziano un numero maggiore di casi per abitante. Da monitorare con attenzione l’andamento dei contagi per classi di età, in particolar modo la classe dai 6 ai 18 anni, coinvolta in questo periodo dall’apertura delle scuole in presenza, e che nell’ultima settimana ha registrato un aumento del 37% dei casi.

Il lavoro è stato coordinato dal prof. Giuseppe Signoriello (Unità di Statistica Medica, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”) da Simona Signoriello e Vittorio Simeon con la collaborazione di Francesca Menna, assessore alle pari opportunità, libertà civili e alla salute al Comune di Napoli. 

Report_COVID_Napoli_07_feb_21_V3-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'andamento Covid da agosto a febbraio: aumentati del 37% i positivi under 18 a Napoli

NapoliToday è in caricamento