menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollano contagi tra gli operatori sanitari dopo i vaccini: sotto media nazionale il completamento dosi in Campania

Il rapporto del Gimbe conferma la scarsa fornitura del numero di dosi destinate alla Campania, nonostante sia una delle regioni più popolose d'Italia

Il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE conferma nella settimana 3-9 febbraio 2021, rispetto alla precedente, in Italia, un numero stabile dei nuovi casi (84.711 vs 84.652). Scendono i casi attualmente positivi (413.967 vs 437.765), le persone in isolamento domiciliare (392.312 vs 415.234), i ricoveri con sintomi (19.512 vs 20.317) e le terapie intensive (2.143 vs 2.214). Diminuiscono anche i decessi (2.658 vs 2.922). 

La situazione in Campania

Secondo il rapporto Gimbe dal 3 al 9 febbraio in Campania assistiamo ad un peggioramento dei dati sui contagi (aumentati del 4,7%). Mentre la situazione appare sotto controllo per la percentuale di posti letto occupati in ospedale da pazienti Covid, 35% (leggermente sopra la media nazionale del 31%) e per i posti letto in terapia intensiva al 18% (media nazionale al 24%).

coronavirus ricoveri campania italia-2

Vaccini

La percentuale di persone che hanno completato il vaccino in Campania (1,78%), se relazionate al numero di abitanti, è al di sotto della media nazionale (2,04%) a causa delle scarse forniture giunte nella regione, nonostante sia una delle più popolose d'Italia. 

gimbe dati campania napoli-2

In Campania i vaccini sono stati destinati al 63% agli operatori sanitari, al 4% agli ospiti delle Rsa, all'1% agli over 80 e al 32% al personale non sanitario.

percentuali dosi vaccino a chi-2

Efficacia vaccinazioni

"Sulla base dei dati pubblicamente disponibili al momento è possibile valutare l’efficacia della vaccinazione solo sugli operatori sanitari (in Italia), i cui contagi vengono monitorati regolarmente dall’Istituto Superiore di Sanità. Se i nuovi casi nella popolazione generale sono stabili da 3 settimane, tra gli operatori sanitari si sono ridotti del 64,2%: dai 4.382 rilevati nella settimana 13-19 gennaio, quando è stata avviata la somministrazione delle seconde dosi, ai 1.570 della settimana 3-9 febbraio. Presupponendo che le modalità di screening periodico degli operatori sanitari non siano state modificate questa netta riduzione è verosimilmente effetto della somministrazione di circa 1,9 milioni di dosi di vaccino in questa categoria di popolazione", spiega Cartabellotta, presidente del Gimbe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Vitamina E, Covid e sesso. Cosa sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento