menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
De Luca

De Luca

Coronavirus, De Luca: "Aspettiamoci un picco di contagi nel mese di marzo in Campania"

"Con arrivo di centinaia di nostri concittadini dal Nord, si è determinato un punto di svolta per quanto riguarda il contagio. C'è un prima e un poi", afferma il Governatore

"Ieri si è determinato un punto di svolta per quanto riguarda il contagio per Coronavirus nella nostra Regione, avendo registrato l'arrivo di centinaia di nostri concittadini dal nord Italia in Campania". A dirlo è il Governatore della Campania Vincenzo De Luca in un video pubblicato sulle sue pagine social.

"C'è un prima e un poi. Attualmente abbiamo in Campania in isolamento domiciliare controllato 1318 persone. Tra queste, circa un centinaio, 110, sono positive al Coronavirus. Cioè abbiamo 110 persone positive, ma asintomatiche e che non hanno grossi problemi. Il 90% di questi non ha, ad oggi, nessun contagio. Questo significa che abbiamo fatto uno straordinario lavoro di prevenzione. Per ogni persona contagiata abbiamo ricostruito la catena di contatti e contattato in media circa 10 persone fra queste, parenti, colleghi di lavoro, e li abbiamo collocati in isolamento domiciliare per evitare l'espansione del contagio. Ora, con l'arrivo di centinaia di persone dal Nord, non tutte controllate ovviamente, noi andremo in difficoltà, nel senso che questo lavoro di prevenzione così attento e capillare diventa complicato farlo. Quindi per il mese di marzo dobbiamo aspettarci un picco di contagi nella nostra regione. Non è un grandissimo problema, ma ovviamente non ci fa piacere. L'emergenza noi la risolveremo, i problemi li risolveremo. Si tratta solo di decidere se vogliamo farlo in due mesi, o vogliamo trascinarci questo problema a lungo. Faccio appello al senso di responsabilità dei cittadini, a cambiare le proprie abitudini di vita per qualche settimana. In Campania siamo pronti ad affrontare qualunque emergenza. L'importante è che facciamo funzionare il cervello. Sono convinto che usciremo dal tunnel, ma chiedo a tutti di darci una mano, per aiutare le centinaia di persone che stanno lavorando all'ultimo respiro", ha spiegato il presidente della Regione.

BOLLETTINO DEL 9 MARZO: 5 NUOVI CONTAGIATI E 4 MORTI

Le misure

"Intanto abbiamo preso delle misure: chi è arrivato dal Nord ha l'obbligo di segnalare all'Asl di appartenenza il proprio domicilio e la propria presenza nel nostro territorio. Capiterà quello che capita per gli altri che sono in isolamento domiciliare. Chi risulterà contagiato, contatterà il medico di famiglia e soltanto se presenterà problemi seri, sarà ricoverato. Dobbiamo affrontare questo problema con il massimo di efficacia operativa, ma anche con il massimo della tranquillità. Nel frattempo stiamo preparando la predisposizione di nuovi posti letto in terapia intensiva. Nelle ultime 36 ore abbiamo già attrezzato 50 posti letto di terapia intensiva aggiuntivi".

Locali: la richiesta al Governo

"Per quanto riguarda i locali ho mandato questa mattina al Governo la richiesta per un provvedimento di chiusura alle 18. C'è bisogno di una misura netta per bloccare la diffusione del contagio. Il provvedimento preso dal Governo nazionale, che prevede l'apertura di bar e ristoranti garantendo un metro di distanza, sono cose ingestibili, che non hanno alcun riscontro nella realtà. Sabato notte abbiamo visto centinaia di ragazzi, uno sull'altro, nei luoghi della movida, a Napoli e in tante città della Regione. E' evidente che in queste condizioni il contagio è destinato a dilatarsi. Alle ragazze e ai ragazzi dico di essere responsabili per i vostri genitori, i vostri nonni, potete anche essere portatori sani del virus, ma poi infettate genitori e nonni. Come si fa a non capirlo? C'è comunque una notizia confortante, che merita apprezzamento. C'è una notizia confortante e che merita un apprezzamento. Ho parlato questa mattina con Dario Moxedano, a nome di decine di gestori di ristoranti e di bar a Napoli, a Chiaia, Posillipo e in altre zone, che hanno annunciato la loro disponibilità a chiudere autonomamente i bar di sera, perchè hanno compreso che c'è un problema di tutela della loro salute e di quella dei ragazzi e della nostra comunità. E' un gesto bellissimo, di grande sensibilità e civiltà, che voglio sottolineare e rispetto al quale voglio esprimere tutto il mio apprezzamento. Davvero si comincia a comprendere la gravità dei problemi e cominciano a maturare anche comportamenti di grande spirito civico, che davvero vanno apprezzati. Per questo ringrazio i gestori dei bar e dei ristoranti, che hanno capito che è meglio chiudere per due-tre settimane di sera, che essere costretti poi a chiudere per mesi e mesi ed avere poi un danno economico davvero immenso". 

Trasporti ed autotrasportatori 

"Per i trasporti e le aziende regionali, abbiamo deciso di mantenere le stesse quantità di corse che avevamo prima. Non abbiamo ritenuto di ridurre il servizio, pur essendoci la chiusura delle scuole, perchè questo ci consente di avere autobus meno affollati. Garantiremo comunque un servizio ulteriore di sanificazione sui bus per evitare contagi possibili. Per quanto riguarda gli autotrasportatori, il decreto del Governo li autorizza ad entrare al Nord e tornare nella nostra regione", ha concluso De Luca. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento