Ricciardi: "Ospedali Covid in Campania e Lazio quasi pieni. Mi preoccupano di più le sub-intensive"

"Mi preoccupano non tanto le terapie intensive, ma le sub-intensive dove ci sono pazienti infettivi che devono essere curati in un certo modo. E i posti si stanno già saturando adesso figuriamoci quando arriverà l'influenza"

Walter Ricciardi, uno dei massimi esperti della lotta al Covid, ospite di SkyTg 24, ha spiegato cosa lo preoccupa maggiormente in questo momento: "Gli ospedali si stanno di nuovo riempiendo. Le strutture Covid in questo momento in Campania e nel Lazio sono quasi piene. Mi preoccupano non tanto le terapie intensive di cui si parla, ma le sub-intensive dove ci sono pazienti infettivi che devono essere curati in un certo modo. E i posti si stanno già saturando adesso figuriamoci quando arriverà l'influenza. Non siamo al collasso, ma in una situazione di grandissima pressione".

Quarantena

"La quarantena si può ridurre da 14 a 10 giorni, come fanno i tedeschi, con un tampone invece che due. È qualcosa che stiamo consigliando e spero che il Governo prenda in considerazione. Non c'è nessuna ipotesi di chiusura di esercizi commerciali. Si sta pensando a quali sono le attività che prevedono assembramenti ingiustificati che riguardano attività non primarie. Sarà il Governo più a prendere la decisione".

AGGIORNAMENTI SU TERAPIE INTESIVE E POSTI IN OSPEDALI IN CAMPANIA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, quali sono i sintomi spia e cosa tenere in casa: risponde il medico di base

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Cade dal balcone di casa: 40enne trasportata in gravi condizioni in ospedale

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

  • Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

Torna su
NapoliToday è in caricamento