Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Covid, indice Rt in Campania 1,42: è la terza regione in Italia

L'indice di replicabilità è il più alto subito dopo quello veneto e quello siciliano. Cosa vuol dire, e perché la fluttuazione del dato dipende molto dai casi già presenti

Un dato sta facendo particolarmente discutere in questi giorni a proposito dell'epidemia da Covid-19. Si tratta dell'indice Rt che in Campania è salito a 1,42, portando la nostra Regione al terzo posto nazionale.

Si tratta come si è più volte detto dell'indice di replicabilità, cioè quanti contagi vengono causati da un singolo infetto. Al crescere del numero, il dato risulta essere più preoccupante e segnale di una curva di crescita più ripida. La soglia di sicurezza è 1, la media nazionale al momento è 0,98.

Prima della Campania solo il Veneto (1,66) e la Sicilia (1,55). Dopo invece Trento (1,34), Liguria (1,25), Emilia Romagna (1,08), Bolzano (1,07), Lazio (1,04). C'è da preoccuparsi? C'è sicuramente da non abbassare la guardia – come pure le autorità tutte stanno continuando a ripetere da settimane – ma il dato dell'indice non deve essere foriero di particolari paure. Come alcuni esperti hanno spiegato, il virus non è “più forte” dove l'indice è più alto, ma anzi il suo senso dipende dal “denominatore”. Per capirci: se c'è una “base” di pochi casi, basta un focolaio per farlo schizzare paurosamente in alto.

Se facciamo quindi l'esempio del confronto tra Campania e Lombardia, l'attuale indice è solo una fotografia del fatto che – dati alla mano – il contagiato campano in questo momento ha più possibilità di trasmettere ad altri il virus rispetto a quello lombardo. Intanto, gli ultimi dati dell’Unità di crisi della Regione Campania registrano oggi quattro nuovi casi positivi.

Coronavirus, l'ultimo bolletino

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, indice Rt in Campania 1,42: è la terza regione in Italia

NapoliToday è in caricamento