Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, aumento ricoveri al Cotugno. Il dg: "Ora il virus colpisce gli under 40"

Nell'arco di dieci giorni i degenti sono passati da quattro a ventidue. Nove sono in terapia sub-intensiva, uno è in condizioni critiche. Il direttore dell'Ospedale dei Colli: "Poco senso di responsabilità. Ci saranno altri focolai"

 

Da quattro a ventidue ricoveri in dieci giorni circa. Un aumento dei contagiati Covid ospedalizzati che ha fatto scattare un nuovo, seppur moderato, campanello d'allarme all'ospedale Cotugno di Napoli. Non siamo ai livelli di marzo e aprile, ma la Campania a contagio zero di giugno sembra non esistere più.

A confermarlo è il Maurizio Di Mauro, direttore generale dell'Azienda ospedaliera dei Colli: "E' vero, c'è stato un aumento dei contagi. Ne abbiamo 22 al momento. Di questi, 9 sono in terapia sub-intensiva e tra loro ce n'è uno in condizioni critiche. L'aumento significativo lo abbiamo avuto nell'ultima settimana. La grande novità è che a differenza della prima fase, in questo momento l'età media si è abbassata e sono colpiti di under 40". 

Pozzuoli, Cilento, Mondragone. Crescono i focolai su tutto il territorio regionale. "Mi risulta - prosegue Di Mauro - che in Campania siano 80 le persone ricoverate per sindrome da Covid-19. E ad agosto avremo sicuramente nuovi focolai. Dobbiamo tornare a essere più attenti anche se, in verità non avremmo mai dovuto smettere".

Il direttore generale dell'Azienda ospedaliera dei Colli, che comprende Cotugno, Monaldi e Cto, appare preoccupato: "Lo sono - ammette - soprattutto perché vedo in molti settori responsabilità zero. Vedo giovani fare assembramenti e scambiarsi bottiglie. Vedo molte persone non portare più la mascherina. Invece, dobbiamo continuare a portarle anche in luoghi aperti. Non possiamo permetterci un nuova chiusura, ma se i casi dovessero aumentare ancora saranno necessarie nuove restrizioni". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento