menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto Ansa)

(foto Ansa)

Coronavirus, dieci cose da sapere sul virus e su come prevenirlo

Le prescrizioni sono state diffuse dall'Ospedale Bambino Gesù di Roma

La comitiva della quale facevano parte i due cittadini cinesi risultati positivi al Coronavirus è stata anche a Sorrento. L'intera comitiva è ora sottoposta a controlli e si cerca di ricostruire gli spostamenti avvenuti in penisola sorrentina. Intanto l'ospedale romano Bambino Gesù ha diffuso dieci informazioni che possono aiutare a fermare l'ondata di panico che - soprattutto se il contagio dovesse diventare esponenziale - potrebbe travolgere l'Italia. Di seguito i consigli e le informazioni. dell'ospedale Bambino Gesù. 

Tutte le notizie sul CoronaVirus

1) CoronaVirus: come si trasmette. 
Il pericolo maggiore del nuovo Coronavirus deriva dalla sua capacità di trasmettersi da uomo a uomo, confermata dalla Commissione Sanitaria Nazionale Cinese. Il virus si trasmette per via aerea, in particolare attraverso le goccioline di saliva nell'aria.

2) Qual è l'origine dell'infezione? 
Si pensa che il contagio sia partito da animali infetti, in particolare dai pipistrelli. Molte delle persone che si sono ammalate lavoravano o facevano spesso la spesa in un mercato della città cinese di Wuhan, dove si vendono anche animali vivi e appena macellati.

3) Quanti casi finora? 
Al 29 gennaio le autorità cinesi hanno confermato più di 6000 casi 132 decessi. Tuttavia la situazione si sta evolvendo rapidamente. Molte persone decedute non erano in buona salute per altre cause.

4) Quali precauzioni sono state adottate?
In seguito allo scoppio dell'epidemia, i festeggiamenti per il Capodanno Cinese sono stati in gran parte cancellati e Wuhan e altre città cinesi sono state messe in quarantena. In tutta la Cina, le autorità raccomandano di evitare luoghi pubblici e affollati.

5) Dove si sono verificati casi di contagio? 
Il virus è arrivato al di fuori della Cina, in Paesi Asiatici come Giappone, Corea del Sud, Thailandia, Vietnam. La presenza del virus è stata confermata anche negli Stati UnitiCanada e in Australia. Alcuni casi sono stati accertati in Europa, al momento in Francia, in Germania e in Italia. 

6) Quali i sintomi del CoronaVirus? 
I sintomi causati dal nuovo Coronavirus sono molto simili a quelli dell'influenza: tosse, febbre, a volte diarrea, difficoltà respiratorie e, in alcuni casi, polmonite. Nei casi più gravi si può andare incontro a insufficienza di molti organi ed apparati che può essere letale.

7) Le difficoltà da superare
Alcune persone sembrano soffrire solo di una forma lieve, mentre altre presentano forme molto più gravi. Questo rende difficile stabilire con certezza il numero reale di persone infette. Un'altra incognita importante che dovrebbe essere chiarita nelle prossime settimane, è quanto sia contagioso il nuovo coronavirus.

8) Il CoronaVirus può essere curato? 
Non esiste al momento una cura, né un vaccino. Si tratta di un'infezione virale, quindi gli antibiotici non servono a nulla. I malati vengono ricoverati in ospedale, in isolamento, gli vengono somministrati liquidi e vengono adottati i trattamenti più idonei per l'insufficienza respiratoria e degli altri organi.

9) Quando rivolgersi al medico? 
A meno che una persona non sia stata in Cina o non abbia avuto contatti con qualcuno che è stato in Cina e si è infettato con il nuovo Coronavirus, tosse e raffreddore vanno considerati sintomi di una infezione virale stagionale. Consultare comunque il medico in caso di sintomi più gravi come dolori al petto e difficoltà respiratorie.

10) I consigli per evitare il contagio
Per evitare il contagio si consiglia di lavarsi spesso le mani, di starnutire e tossire in fazzoletti usa e getta, di non mangiare cibi crudi o poco cotti e di evitare il contatto con persone che presentano sintomi sospetti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Villa mozzafiato in vendita a Marechiaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento