menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scampia

Scampia

Guerra tra clan: scatta il coprifuoco a Scampia e Melito

Cinque i morti dall'inizio dell'anno in questa nuova lotta di camorra. Negozi chiusi prima delle 20, donne a casa subito dopo la spesa. Con le strade sgombere il controllo è semplificato

A Scampia e a Melito scatta il coprifuoco a causa della guerra tra clan. Già cinque i morti dall’inizio dell’anno. Come riferisce Marco di Caterino in un’inchiesta per il quotidiano il Mattino, la voce si è sparsa velocemente e in alcune zone gli orari sono diventati più “rigidi” sia per gli esercizi commerciali, sia per la gente comune che deve rientrare in casa (soprattutto le donne).

Sempre secondo l’inchiesta de Il Mattino, il coprifuoco servirebbe a sgomberare le piazze e rendere più facile il controllo del territorio, evitando di colpire estranei ai clan che porterebbero clamore e farebbero troppo “rumore”, attirando in zona una quantità enorme di forze dell’ordine. Ancora una lotta intestina tra clan storici e scissionisti che mette in ginocchio il territorio a nord di Napoli.

LE REAZIONI - "Non consentiremo a nessuno di tenere in ostaggio i cittadini: la paura dei poteri criminali non può vincere. Quanto accade in queste ore nell'area nord di Napoli è di una gravità inaudita. Per questo presenteremo un'interrogazione parlamentare urgente". Queste le parole di Salvatore Piccolo, deputato Pd e componente della Commissione Antimafia, in merito alla vicenda. "Abbiamo già presentato una prima interrogazione dopo gli omicidi di camorra. Inoltre con il gruppo dirigente Pd, tra cui il segretario regionale Enzo Amendola e il commissario provinciale, Andrea Orlando, e con i parlamentari dell'Antimafia siamo stati a Melito per partecipare ad un consiglio comunale straordinario sulle vicende. La situazione in queste ore sembra precipitare velocemente e serve un intervento immediato delle forze dell'ordine e dello Stato per ripristinare la legalità e la libertà delle persone. Non lasceremo i cittadini impauriti da soli".

"Sconcertante quello che sta avvenendo in questi tragici giorni nella tormentata area a nord di Napoli, tra Melito, Miano e Scampia. Omicidi, faide, intimidazioni e coprifuoco per donne e attività commerciali" dice Teresa Armato, senatrice Pd e componente della Commissione Antimafia. "Tutto fa ritenere che ci sia una vera a propria guerra di camorra. Pensiamo sia assolutamente urgente una presa di posizione dello Stato con un immediato rafforzamento della presenza della forza pubblica e con il pieno sostegno alle attività di inchiesta. Abbiamo perciò presentato un'interrogazione urgente al ministro degli Interni affinché ci siano provvedimenti urgenti".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento