rotate-mobile
Cronaca

Truffatore seriale "rapina" a Budapest una coppia napoletana

Il racconto a NapoliToday: "L'uomo ci ha confidato di aver perso la carta di credito aziendale e di aver bisogno di 38 euro per poter tornare in Italia con l'aereo. Ci siamo cascati"

Una giovane coppia di ventenni napoletani sono stati truffati a Budapest durante un viaggio, da un italiano con un accento sardo.

A raccontare la vicenda a NapoliToday è Sveva.

"Ero a Budapest con il mio ragazzo, in procinto di prendere l'aereo che mi avrebbe portato a Roma. Uun uomo ben vestito si è avvicinato a noi e ci ha accoratamente confidato di aver perso la carta di credito aziendale e di aver bisogno di 38 euro per poter tornare in Italia.
L'uomo, che diceva di chiamarsi Gianfranco, si è anche disperato per questa situazione, facendoci anche commuovere, tanto da spingerci a dargli il denaro richiesto. Prima di allontanarsi, però, Gianfranco ci ha assicurato che in cambio del nostro favore ci avrebbe accompagnati dall'aeroporto di Fiumicino alla stazione di Roma, dove poi avremmo dovuto prendere il treno per Napoli. Ovviamente l'uomo è sparito e controllando poi su internet abbiamo scoperto che tale personaggio si aggira dal 2009 nell'aeroporto di Budapest e truffa continuamente viaggiatori ingenui e dal cuore d'oro come noi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffatore seriale "rapina" a Budapest una coppia napoletana

NapoliToday è in caricamento