menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Clochard

Clochard

Seicento coperte recuperate dall'Asia: saranno consegnate ai poveri

Il vicesindaco Sodano: "Grazie alla raccolta differenziata degli abiti dismessi, introdotta nel Comune di Napoli a partire dal novembre 2011, si assolve anche ad una importante funzione sociale e di solidarietà"

Seicento coperte recuperate dall'Asia e dall'assessorato alle Politiche Sociali saranno distribuite alle fasce sociali più povere di Napoli. I capi sono stati igienizzati e resi disponibili grazie alla raccolta di indumenti usati che viene fatta in città. Le coperte saranno consegnate alla centrale operativa sociale di via De Blasis 1 per rispondere all'appello lanciato con la campagna 'Dona una Coperta' dall'assessorato al Welfare, nell'ambito del piano di interventi per l'emergenza freddo.

"Grazie alla raccolta differenziata degli abiti dismessi, introdotta nel Comune di Napoli a partire dal novembre 2011, non solo si provvede a garantire una riduzione dei rifiuti indifferenziati destinati al fragile sistema di smaltimento regionale, ma si assolve anche ad una importante funzione sociale e di solidarietà", ha detto il vicesindaco Tommaso Sodano.


I CONTENITORI NEI VARI PUNTI DELLA CITTA' - Sono 695 i contenitori speciali dedicati alla raccolta differenziata di vestiti, borse, cinture, scarpe e altri accessori usati che, se non recuperati e riciclati, sarebbero destinati all'incremento delle quantità di rifiuti indifferenziati. I rifiuti tessili rappresentano il 7 per cento del totale e con la raccolta organizzata ai fini del recupero e del riuso, in poco più di un anno di attività sono state raccolte a Napoli, in linea con la media nazionale, oltre 1.807 tonnellate di indumenti ed accessori. "Sul fronte dell'assistenza in strada alle persone senza dimora, anche quest'anno è stato messo a punto un piano di interventi straordinario nei casi in cui si dovessero registrare temperature sotto il livello di guardia segnalato dalla protezione civile - ha detto l'assessore Sergio D'Angelo - si tratta del potenziamento dei numeri di posti letto fornita delle strutture che operano in regime di convenzione con il Comune di Napoli, La Tenda e l'Istituto la Palma e dal dormitorio pubblico in Via de Blasiis, e della rete di unità mobili già operative su tutto il territorio napoletano per garantire interventi di primo soccorso e la fornitura di bevande calde e generi di conforto offerte dal Banco delle Opere di Carità di Caserta, e coperte donate, oltre che da Asia, anche dall'Aeronautica Militare e da Federalberghi". Sono nove le Unità Mobili di strada operative sul territorio, a partire dall'Unità Mobile gestita dalla Cooperativa Il Camper in convenzione con il Comune di Napoli. Tutte le segnalazioni potranno pervenire alla Centrale Operativa Sociale al numero 081/5627027 attivo sulle 24 ore, che rappresenterà anche il punto di raccolta delle coperte. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Attualità

Concorsone Sud 2800 posti: le date della prova scritta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento