Sessantenne americano arrestato in aeroporto: aveva droghe di tutti i tipi

Sequestrato complessivamente un chilo di droga tra hashish, marijuana, oppiacei, LSD, pasticche e funghi allucinogeni

I finanzieri del Comando Provinciale di Napoli in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in servizio presso l’Aeroporto di Capodichino, hanno tratto in arresto un 62enne di origine americana “corriere” della droga, trovato in possesso di 1 kilo di sostanze stupefacenti, tra marijuana, hashish, funghi allucinogeni, sostanze oppiacee, pasticche di psicofarmaci e dosi di LSD.

In particolare, le Fiamme Gialle della Compagnia di Capodichino, in collaborazione con i funzionari doganali, hanno fermato e sottoposto a controllo l’uomo appena giunto a Napoli, con volo proveniente da Amsterdam con scalo a Roma-Fiumicino, poco prima che lasciasse la sala arrivi dell’aeroporto.

I militari, non convinti delle spiegazioni ricevute ed insospettiti da alcuni segnali di nervosismo, al termine degli accertamenti, hanno scoperto e sequestrato nel suo bagaglio da stiva 96 grammi di marijuana, 53 grammi di hashish, 154 grammi di funghi allucinogeni, 730 grammi di sostanze oppiacee, 468 pasticche di psicofarmaci e 24 dosi di LSD, nonché valuta per un controvalore di oltre 17.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'OMS anti Coronavirus

  • Coronavirus, positivi altri 7 tamponi: i casi campani potrebbero salire a 11

  • Coronavirus, primo caso a Napoli: 50enne in buone condizioni

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Coronavirus, Il virologo della Federico II: "Prudenza e intelligenza. Non è peste ma superinfluenza"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento