menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli trasporto abusivo

Controlli trasporto abusivo

Controlli tra Porto e Stazione: scoperti taxi abusivi e autisti di bus non in regola

Nove gli autisti di pullman trovati senza certificato tossicologico. Bloccato un tassista abusivo che si aggirava tra i turisti e, per ingannarli, mostrava loro un tariffario ufficiale

Controlli contro il trasporto abusivo al Porto e alla Stazione.

Nove autisti di pullman senza certificato tossicologico, due dei quali con certificato rilasciato da un medico della provincia di Cosenza in assenza delle persone da esaminare. Un tassista abusivo che si aggirava tra i turisti e che per ingannarli mostrava loro un tariffario ufficiale per convincerli che “era tutto a posto”. Decine di multe contestate per violazioni varie, tra le quali, in risalto, la tenuta dei mezzi (con possibili ricadute sulla sicurezza) e la regolarità dei documenti abilitativi.

È quanto emerso durante controlli disposti dal comando provinciale carabinieri di Napoli nei confronti di persone fisiche e giuridiche che svolgono servizi di trasporto a noleggio nei riguardi di turisti e di società crocieristiche.

Obiettivo dei controlli è stato il contrasto all’abusivismo nel settore, ma anche verifiche sull’efficienza dei veicoli e sulla regolarità dei documenti di guida e circolazione degli addetti “regolari”.

I servizi hanno riguardato l’area portuale e la stazione ferroviaria di Napoli e sono stati effettuati su strada dai carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli, insieme a colleghi delle compagnie Centro e Stella.

Nel corso di quelli effettuati in zona portuale, 9 conducenti di autobus, fermati mentre trasportavano complessivamente 270 persone, sono stati denunciati perché risultati privi dei previsti e prescritti esami tossicologici. Tra i 9 denunciati spicca il caso di 2 autisti dipendenti di una società calabrese (stavano trasportando un totale di 99 persone). Ai carabinieri - spiegano le forze dell'ordine - hanno esibito esami tossicologici firmati da un medico calabrese il 27 agosto, data nella quale i due autisti sarebbero, invece, stati a Roma, come emerso da veloci accertamenti e avrebbero anche “confessato” gli autisti stessi, messi alle strette dai militari dell’arma.

Il medico è stato denunciato per falsità ideologica commessa da esercente un servizio di pubblica necessità.

Controllati inoltre taxi e auto adibite al trasporto con conducente e contestate violazioni per circa 11.600 euro.

Nella zona di piazza Garibaldi, un abusivo si aggirava tra i turisti mostrando loro il tariffario ufficiale per ingannarli sulla regolarità del suo servizio di trasporto. L’uomo è stato bloccato subito dopo aver preso a bordo due turisti americani che volevano andare ad Avellino ed è risultato privo di assicurazione, senza la prevista revisione periodica e, ovviamente, senza alcun tipo di titolo abilitativo alla specifica attività.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento