Sversamenti, discariche abusive e rifiuti pericolosi: controlli nel Vesuviano

I carabinieri si sono avvalsi della collaborazione del Nucleo Elicotteristi di Pontecagnano

Servizi di controllo, a contrasto del fenomeno dei roghi di rifiuti nella cosiddetta Terra dei Fuochi, sono stati portati a termine nel Vesuviano da parte dei carabinieri che si sono avvalsi della collaborazione del Nucleo Elicotteristi di Pontecagnano.

A Boscotrecase i carabinieri della stazione di Trecase – insieme ai Forestali della stazione di Boscoreale e col supporto in volo dell’elicottero dell’Arma – hanno individuato 4 siti abusivi di sversamento di rifiuti a Fruscio, all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio.
Nelle discariche abusive sono stati trovati scarti edili, parti di carrozzeria di veicoli, ingombranti di vario genere, rifiuti vegetali e plastiche varie. L’area interessata è risultata occupata da 225 metri cubi di rifiuti ed è stata sottoposta a sequestro per una successiva bonifica. I militari sono a caccia degli autori degli sversamenti illeciti.

A Terzigno, i carabinieri della locale stazione hanno individuato e denunciato all’autorità giudiziaria un 45enne, già noto alle forze dell'ordine, sorpreso mentre trasportava senza autorizzazione sul proprio camion rifiuti speciali misti, questi e provenienti da attività di demolizione e costruzione. L’autocarro è stato sequestrato, e con esso circa 3 metri cubi di rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A San Giuseppe Vesuviano, infine, i carabinieri della locale stazione hanno individuato un’autofficina meccanica totalmente abusiva, realizzata da un 49enne già noto alle forze dell'ordine in un magazzino accanto a casa sua. Illecito il trattamento dei rifiuti: i fumi venivano diffusi nell’atmosfera senza alcun trattamento o filtro, mentre le acque reflue sversate direttamente nel terreno. Anche i residui delle lavorazioni, costituiti da rifiuti speciali pericolosi e non, venivano smaltiti irregolarmente. L’intero capannone, di 200 metri quadrati di superficie, è stato sequestrato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento