Baretti di Chiaia, scattano i controlli della polizia

Occupazione di suolo pubblico, musica ad alto volume: le multe elevate dagli agenti

Movida a Chiaia, immagine d'archivio

Nella serata di ieri gli agenti del commissariato San Ferdinando, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia, hanno controllato in un servizio straordinario la zona dei “baretti” di Chiaia.

Numerosi gli interventi portati a termine. I poliziotti hanno sanzionato il titolare di un bar in vico Sospiri per aver occupato il suolo pubblico in eccedenza rispetto a quanto previsto dalla concessione, così come hanno multato un bar di vico Belledonne privo del nulla osta di impatto acustico. Stava diffondendo musica ad alto volume in violazione dell’ordinanza del Comune di Napoli.

Sono stati inoltre effettuati 5 posti di controllo con l’utilizzo dell’etilometro per contrastare il fenomeno della guida in stato di ebbrezza. Nel corso dell’attività,  sono state identificate 79 persone di cui 12 con precedenti di polizia. Controllati 36 veicoli, elevate due sanzioni: una per un veicolo privo di copertura assicurativa e perciò sequestrato, un'altra nei confronti di un conducente che non aveva mai conseguito la patente. Il suo veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, un uomo sorpreso mentre svolgeva l’attività di parcheggiatore abusivo in via Chiatamone, ed è stato denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento