menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Crabinieri

Crabinieri

Sicurezza, igiene, lavoro nero e smaltimento illecito di rifiuti: sequestri e denunce

Controlli a Poggiomarino, Ottaviano e Terzigno. Denunciati i titolari di 3 opifici

Al termine di una settimana di servizi e controlli sulla sicurezza e l’igiene nei luoghi di lavoro e di contrasto al lavoro nero e alla raccolta e smaltimento illecito di rifiuti, i Carabinieri della compagnia di Torre annunziata insieme a colleghi del nucleo ispettorato del lavoro e di personale dell’Asl Na3 Sud hanno arrestato un operaio e hanno denunciato 3 titolari.

A Poggiomarino, nel corso di controllo a un opificio tessile, i militari hanno individuato un lavoratore a nero; inoltre hanno accertato che su di lui pendeva un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal gip di Civitavecchia. Così il 40 enne, di orgini ucraine e residente a San Giuseppe Vesuviano, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato per associazione a delinquere e riciclaggio di denaro. Il titolare dell’attività, di 25 anni, è stato, invece, denunciato per violazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e per sfruttamento di manodopera a nero.

A Ottaviano, è scattata denuncia per un 29enne di origini bengalesi, residente nella cittadina e titolare di un opificio tessile in città. Anche lui risponderà di violazioni penali in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e per lo sfruttamento di manodopera irregolare. i Carabinieri hanno infatti accertato che nell'opificio erano impiegati due lavoratori "a nero", quindi hanno proceduto alla sospensione dell’attività e a sanzioni amministrative per 3000 euro.

A Terzigno, invece, i carabinieri hanno sequestrato un intero opificio di circa 40 mq. e 8 cucitrici industriali. Il titolare – un cittadino cinese di 43 anni, residente a Terzigno - è stato denunciato per violazioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché di raccolta e smaltimento di rifiuti, che teneva accantonati nelle vicinanza del laboratorio in attesa di essere gettati tra i rifiuti comuni.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento