rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca

Contraffazione: smantellato un maxi distretto industriale del falso tra Napoli e provincia

Le perquisizioni effettuate tra Napoli, Arzano, Acerra e Melito hanno visto oltre 120mila tra vestiti e scarpe contraffatti e 41 macchinari industriali, carrelli e stampi

I finanzieri del Comando provinciale di Roma hanno smantellato a Napoli "distretto" industriale del falso formato da 7 tra opifici, laboratori e sartorie per la produzione e il confezionamento di scarpe e capi di abbigliamento contraffatti.

Le perquisizioni effettuate tra Napoli, Arzano, Acerra e Melito hanno visto oltre 120mila tra vestiti e scarpe contraffatti e 41 macchinari industriali, carrelli e stampi e sono stati individuati 20 lavoratori "in nero".

Sono undici le persone denunciate nell'ambito dell'operazione, in particolare si tratta di esponenti di clan della camorra.

Partendo dai venditori ambulanti abusivi che offrono le loro merci sulle spiagge del litorale romano, le Fiamme gialle hanno ripercorso a ritroso la filiera distributiva individuando i vertici dell'organizzazione. La "banda" era organizzata con una gerarchia piramidale che vedeva a capo sei imprenditori e si serviva di laboratori clandestini e di sartorie artigianali specializzati nella riproduzione di falsi Dolce&Gabbana, Alessandrini, Gucci, Fendi, Liu-jo, Louis Vuitton, Burberry, Armani ed Hogan..

Capillare la rete di distribuzione dei falsi che alimentava le bancarelle nei negozi del sud, capace di sbaragliare anche la concorrenza cinese.

Da capogiro il volume d'affari che si avvaleva di realizzati via postepay. I costi per l'ultima "collezione primavera-estate" delle grandi firme, si aggiravano tra i 30 euro dei pantaloni Gucci ai 50 del modello "Interactive" delle Hogan.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contraffazione: smantellato un maxi distretto industriale del falso tra Napoli e provincia

NapoliToday è in caricamento